martedì, 6 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenetoAttualitàL’impegno de La Piazza per il futuro del Pianeta è una risposta...

L’impegno de La Piazza per il futuro del Pianeta è una risposta ai lettori sempre più consapevoli

Banner edizioni

La scelta de La Piazza: carta riciclata e certificata PEFC per stampare tutte le nostre edizioni. Alla tiratura del nostro mensile corrispondono 23 ettari di piantagione arborea non tagliata

Antonio Brunori
Antonio Brunori

Il giornale che state sfogliando ha qualcosa di diverso. La carta. Che non solo è riciclata, ma proviene da foreste gestite in maniera sostenibile, secondo gli schemi e gli indicatori proposti dal programma di certificazione forestale PEFC, acronimo di Programme for Endorsement of Forest Certification. Per capire bene che cosa significa e quale contributo viene dato alla transizione ecologica dalla scelta di stampare su carta riciclata e certificata tutte le edizioni del mensile La Piazza e poi spiegarlo a voi lettori, abbiamo bussato direttamente alla porta di PEFC Italia, a Perugia, dove il segretario generale Antonio Brunori ha preso i quantitativi annui che ci servono per arrivare ogni mese nelle vostre case, il tipo di carta acquistata, la sua grammatura e, fatti due conti, ci ha consegnato la nostra impronta green.

Alla tiratura di tutte le edizioni del nostro giornale corrispondono 23 ettari di piantagione arborea che, grazie all’utilizzo della carta riciclata, non è stata tagliata. Per capirci: 23 ettari corrispondono a 33 campi da calcio. Risparmiarla dal taglio, significa che nei prossimi trent’anni quella piantagione arborea assorbirà ben 1.172 tonnellate di CO2, corrispondente al ciclo di vita di una piantagione destinata alla produzione di cellulosa.

“Il settore dell’editoria e della stampa sta progressivamente puntando sulla certificazione per garantire ai propri lettori di leggere e imparare nuove cose su un giornale o una rivista che diventano loro stessi ambasciatori di un messaggio forte e importante di sostenibilità ed etica”, afferma Brunori, che spiega come siano molti gli esempi già esistenti – e tanti altri si stanno aggiungendo – per dare risposta anche a richieste di consumatori e cittadini sempre più informati e attenti. “Per i quotidiani, troviamo l’informazione della carta sostenibile e il logo PEFC nel colophon di La Stampa, Avvenire, L’Adige, La Sicilia, il quotidiano italiano in lingua tedesca Dolomiten. Per i periodici, tutte le riviste del gruppo editoriale San Paolo, tra cui primeggia per numero di copie Famiglia Cristiana. Ma anche i gruppi Hearst e Condé Nast, i libri di Mondadori, i fumetti della Bonelli, o la Pizzardi, che stampa oltre quattro milioni di copie di album per figurine all’anno. Parliamo – prosegue il segretario generale di PEFC Italia – di milioni di tonnellate di carta provenienti da piantagioni e foreste gestite in modo sostenibile o da fonti riciclate, proprio come nel caso del mensile La Piazza, che contribuiscono a creare non solo benefici ambientali ma anche opportunità di lavoro e di crescita per le comunità e per le organizzazioni che lavorano intorno a filiere etiche e sostenibili”.

Sposare la sostenibilità nel settore dell’editoria è un percorso reso possibile dall’apporto delle cartiere: sono sempre di più quelle che mettono a disposizione carta certificata PEFC. “Un marchio che consente la rintracciabilità del prodotto, dal bosco al prodotto finito. Grazie alla certificazione – spiega Antonio Brunori – è infatti possibile da una parte assicurare il rispetto di rigorosi criteri e indicatori di gestione forestale sostenibile e dall’altra si può dare garanzia della legalità e della trasparenza lungo tutta la catena di trasformazione dei prodotti attraverso la catena di custodia”.

Un materiale, la carta, per troppo tempo sottovalutato e che sta oggi riscoprendo una nuova giovinezza grazie al crescere della sensibilità dei cittadini nei confronti dell’ambiente e alla maggiore consapevolezza dei valori intriseci di questo materiale: la rinnovabilità, la riciclabilità e la biodegradabilità. “Ma il merito è anche dell’industria, che ha saputo rispondere alla domanda di sostenibilità dotandosi di strumenti adeguati, con scelte precise e lungimiranti, sui sistemi di gestione forestale per garantire la rinnovabilità della propria materia prima e sul sistema di raccolta e riciclo per assicurare la circolarità dei propri prodotti”. Un impegno che il cittadino (e il lettore) sta finalmente riconoscendo.

Sara Salin

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy