domenica, 29 Gennaio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeRodiginoAdriaAdria: commercianti riuniti contro la crisi del commercio

Adria: commercianti riuniti contro la crisi del commercio

Banner edizioni

Adria, Vianello: “Le banche devono essere lungimiranti concedendo finanziamenti in modo eticamente corretto”

Il mondo del commercio fa quadrato all’ostello Amolara di Adria dove, grazie all’associazione “Il Cantiere Adria” guidata da Federico Simoni, le associazioni di categoria ed il mondo dei commercianti si sono confrontati sul tema del commercio locale per tracciarne il futuro. “Un Cantiere per Adria perché abbiamo bisogno di raccogliere idee da parte di tutti” ha affermato Simoni. “Gli imprenditori scelgono un territorio perché vedono delle opportunità – ha affermato il presidente di Confcommercio, Stefano Pattaro nella speranza che vi sia anche la volontà politica per aiutarli a sviluppare al meglio la propria attività. Il senso delle associazioni di categoria è proprio quello di portarne le istanze di un mondo particolare all’attenzione di chi governa il territorio ricordando che le rivoluzioni che abbiamo vissuto nel periodo pandemico hanno modificato pesantemente il nostro lavoro”. Pattaro ha proseguito: “L’esplosione del commercio online nel periodo della pandemia ha sottratto risorse ai commercianti dei centri commerciali i quali, a loro volta, sottraggono clienti ai commercianti del centro storico, ma solo se non vi è una differenziazione tra i servizi resi e tra le merci che si mettono in vendita. Ho anche io un negozio e vivo anche io la vostra situazione di disagio e di continua difficoltà in questi ultimi anni. Tutto sommato però non vi è stato un grande calo del commercio e delle attività aperte. Secondo l’osservatorio della Camera di Commercio nel 2019 erano presenti nel comune di Adria 1.143 imprese del terziario. Nel 2021 sono scese a 1.119. Non sembrerebbe quindi una situazione cosi drammatica. Cambia però la nostra percezione del commercio, non il commercio in sé per sé. Dobbiamo fare tutti quanti una riflessione su come è cambiato e come sta cambiando”. Non è mancato l’intervento del vice presidente Giovanni Vianello: “Tutto lo sviluppo del terziario è sempre a rischio dopo la crisi economica del 2009, la pandemia ha affossato la timida ripresa iniziata qualche anno prima ed ora la situazione di incertezza derivante dal conflitto in Ucraina contribuisce alla situazione di lunghissima sofferenza del settore. Di certo la transizione energetica e la sostenibilità ambientale non più rimandabile, venendo trasferita sui singoli, andrà pagata e ci si dovrà impegnare tutti. Le banche tutte, non solo il mondo del credito cooperativo, sono il primo soggetto che deve essere lungimirante – ha insistito Vianello rivolgendosi al presidente di Banca Adria Colli Euganei, Mauro Giuriolo presente in sala –  facendo finanziamenti in modo eticamente corretto, agevolando maggiormente chi fa bene all’ambiente, cercando di pretendere la stessa attenzione da fornitori e clienti”. Dall’incontro è emerso chiaramente che Adria e il Polesine non sono diversi da tutto il resto del Veneto, ed il mondo del commercio merita una attenzione particolare in quanto i negozi dei commercianti sono la cartina tornasole del benessere di una comunità e senza negozi il centro muore.

Ruggero Principe

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime della provincia di Rovigo

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy