martedì, 4 Ottobre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoVicenzaAlta velocità a Vicenza, Europa Verde: "Il quartiere dei Ferrovieri sarà una...

    Alta velocità a Vicenza, Europa Verde: “Il quartiere dei Ferrovieri sarà una vittima sacrificale”

    Banner edizioni

    Alta velocità a Vicenza: “Non ha senso espropriare 62 mila metri quadrati per risparmiare 10 minuti di treno”

    Gli esponenti vicentini di Europa Verde Daniele Ferrarin e Mattia Stella intervengono sul progetto definitivo Tav di Vicenza depositato in Comune. Daniele Ferrarin dice in una nota: “Questo progetto è addirittura più impattante di quanto previsto inizialmente. Il quartiere dei Ferrovieri è la vittima sacrificale di un progetto sul quale i cittadini e le cittadine non hanno nemmeno potuto esprimersi. Tutto questo è grave. A destare sgomento non è solo la scelta di spostare l’impianto di bettonaggio in via Maganza, nel cuore del quartiere, ma anche gli effetti collaterali di questo cantiere che porterà con se mezzi pesanti e polveri su tutta la zona con un incremento del traffico che nessuno potrà evitare.”

    “Questa Tav non porterà i benefici sperati. Meglio una metropolitana di superficie fatta bene”

    Aggiunge Stella, portavoce cittadino di Europa Verde: “E’ impressionante inoltre il numero di espropri previsti: 62 mila metri quadrati di superficie sono una quantità enorme. Quelle che nel progetto vengono definiti come interferenze sono in realtà: famiglie, attività commerciali, imprese e così via per un progetto che al momento è previsto farà risparmiare 10 minuti di percorrenza sulla tratta della alta velocità. Noi crediamo nel trasporto pubblico su rotaia, ma riteniamo che questa Tav non porti quei reali benefici ai cittadini che avrebbe invece portato un serio progetto esteso di metropolitana di superficie.”

    Conclude Ferrarin: “Noi stiamo dalla parte dei cittadini e dei movimenti che in più occasioni hanno cercato di far comprendere alle varie amministrazioni che si sono susseguite l’impatto reale di questa Tav. Questo progetto deve essere reso pubblico quanto prima, affinché al confronto pubblico negato non si aggiunga anche la non conoscenza. Da quanto riportato dai media locali emerge un serio pericolo per la salute dei cittadini e la compromissione della qualità della vita per i futuri 10 anni.”

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni