mercoledì, 30 Novembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeSportPadova SportAtletica, De Grasse guida gli uomini-jet del meeting "Città di Padova".

Atletica, De Grasse guida gli uomini-jet del meeting “Città di Padova”.

Banner edizioni

Prime anticipazioni sul cast dell’evento internazionale in programma domenica 4 settembre allo stadio Colbachini di Padova.

De Grasse e Bracy (credit John Nepolitan, dalla pagina Facebook di De Grasse)

Che sprint al Meeting internazionale “Città di Padova”! La XXXV edizione dell’evento, in cartellone domenica 4 settembre allo Stadio Colbachini (con le gare dei big dalle ore 17.30 e l’antipasto dedicato a prove giovanili, master e paralimpiche dalle 16) promette spettacolo già dai blocchi di partenza. Assindustria Sport, società organizzatrice, annuncia le prime anticipazioni con un focus sui 100 metri, maschili e femminili. Due gare che si preannunciano a dir poco stellari, basti considerare che, sul rettilineo azzurro dell’impianto padovano, saranno idealmente schierate 13 medaglie olimpiche e 25 mondiali.
Sono addirittura sette gli uomini che in carriera hanno saputo infrangere il muro dei 10” nei 100 metri. Su tutti spicca il canadese André De Grasse, campione olimpico dei 200 a Tokyo (in 19”62, primato personale nonché record del suo Paese) e vincitore di 6 medaglie a cinque cerchi, tra cui il bronzo nei 100 della stessa edizione della rassegna, quando portò il suo PB a 9”89. E proprio i 100 lo vedranno al via a Padova, per chiudere in bellezza questo 2022 in cui ha dovuto fare i conti con i postumi del Covid. Ma hanno saputo scendere sotto ai 10” anche gli statunitensi Marvin Bracy (9”85, torna al Colbachini dopo la piazza d’onore del 2021, quando corse in 9”98), Isiah Young (9”89, già primo a Padova nel 2017) e Kendal Williams (9”99). Lo ha fatto il giamaicano Ackeem Blake (9”93) e ci sono riusciti pure due velocisti che rappresentano nazioni presenti meno spesso nella kermesse patavina come il liberiano Emmanuel Matadi, primatista del suo Paese, e il giapponese Yuki Koike (entrambi vantano un 9”98). C’è anche Tang Xingqiang (10”22), bronzo a Tokyo con la 4×100 della nazionale cinese. E non è tutto, perché altre ghiotte sorprese potrebbero aggiungersi al cast della gara nei prossimi giorni.

“Sarà spettacolo anche con le velociste”

E fra le donne? Anche in questo caso sono sette le magnifiche velociste in grado di frantumare il muro degli 11”. Fra tutte spiccano due atlete da 10”72 come l’americana Sha’Carri Richardson e l’ivoriana Marie-Josée Ta Lou. Richardson torna dopo l’esperienza del 2021 e sarà impossibile non notarla perché si tratta di un’atleta di forte appeal mediatico. Le sue scelte di look (capelli colorati, unghie lunghissime e anche vestiti a rete sotto al body da gara) si accompagnano a un indubbio talento. Ta Lou è invece la primatista africana dei 100 ed è approdata due volte all’argento mondiale. Sulla loro strada l’ivoriana Murielle Ahouré-Demps (10”78), campionessa iridata indoor dei 60 a Birmingham 2018, la campionessa olimpica della 4×100 giamaicana Natasha Morrison (10”87), la sua connazionale English Gardner (10”74), campionessa a cinque cerchi con la 4×100 di Rio 2016, e le americane Twanisha Terry (10”82), oro con la 4×100 ai Mondiali di Eugene 2022, e Javianne Oliver (10”95), argento a Tokyo 2020 con la staffetta. E c’è anche un’altra atleta a stelle e strisce del livello di Gabby Thomas (11”00), argento con la 4×100 e bronzo nei 200 a Tokyo 2020.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy