giovedì, 29 Settembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoRiviera del BrentaDolo, la mostra "Veneti al di là del mar" ha fatto riflettere

    Dolo, la mostra “Veneti al di là del mar” ha fatto riflettere

    Banner edizioni

    In villa Concina a Dolo una mostra del Centro Studi Migrazioni che ha fatto riflettere: “Veneti al di là del mar” l’immigrazione dalle nostre terre in Sudamerica

    Tanti i dolesi che nell’ Ottocento e anche fino a qualche decennio fa, sono andati a vivere oltreoceano.
    La partecipazione è stata notevole perché la mostra ha indubbiamente saputo cogliere aspetti importanti di un fenomeno che ha interessato centinaia di migliaia di nostri connazionali, tantissimi quelli veneti costretti ad espatriare per trovare un lavoro che desse dignità e sicurezza economica a loro e alle loro famiglie.

    L’evento culturale dal titolo “Veneti Al De La Del Mar”, organizzato dall’associazione nazionale Finanzieri d’Italia, sezione di Dolo, con il patrocinio dal Comune di Dolo ha avuto una forte risonanza a livello locale e nella Riviera del Brenta. A sintetizzare quanto avvenuto Gioacchino Zarbo, presidente dell’associazione. “Molti cittadini dolesi e dei comuni limitrofi, hanno potuto visitare l’esposizione fotografica curata dal Centro Studi Grandi Migrazioni – ha detto Zarbo e nel corso della quale è stata tenuta una conferenza con proiezione video delle genti venete che vivono in Brasile, Argentina e non solo. Alla mostra ha preso parte anche il Console onorario del Brasile, dottoressa Helen Gnocchi”.

    Le finalità della mostra

    Ma le finalità erano anche di natura benefica ed, infatti, grazie alle libere offerte lasciate dai visitatori, da alcuni amici e dai soci del sodalizio, il consiglio di sezione e i soci Anfi di Dolo hanno raggiunto l’obiettivo prefissato. “Lo scopo che ha portato ad organizzare l’evento, infatti, – ha voluto sottolineare Zarbo – era quello di poter dare un aiuto a chi sta attraversando un periodo di criticità, aggravato da questo momento di pandemia. Con i fondi raccolti, infatti, la nuova associazione sportiva di Dolo, per il tramite del suo presidente Diego Baldan, fiduciario Coni, che si prefigge di promuovere attività sportive per i giovani e attività motorie per gli anziani, ha ricevuto in dono un defibrillatore. Il defibrillatore, quindi risulta essere uno strumento indispensabile.

    Inoltre, sono stati presi dei buoni per poter acquistare beni di generi alimentari presso il “Minimarket da Luca” di Sambruson e, dei buoni per eseguire esami medici specialisti del “Gruppo Pavanello” con sede in varie località della della Riviera del Brenta. Questi buoni sono stati consegnati, ai Servizi Sociali del Comune che provvederà a distribuirli alle persone bisognose.” La consegna del defibrillatore e dei buoni, è stata effettuata dal presidente della Sezione Anfi di Dolo Zarbo unitamente al consiglio di sezione ed una
    rappresentanza di soci della sezione, in presenza del sindaco di Dolo Gianluigi Naletto,
    dell’assessore ai Servizi Sociali Chiara Juliano e dell’assessore allo Sport Cristina Nardo.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni