giovedì, 29 Settembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenetoAttualitàE' online il Rediconto generale 2021 della Regione Veneto

    E’ online il Rediconto generale 2021 della Regione Veneto

    Banner edizioni

    Bilancio: online sul sito web della Regione Veneto il rendiconto generale 2021. Calzavara: “massima trasparenza su un documento che vale circa 15 miliardi”

    Oltre al Bilancio semplificato del 2022, è stato pubblicato online nel portale regionale, all’indirizzo https://rendiconto.regione.veneto.it/, il Rendiconto generale semplificato per il cittadino. Un vero e proprio sito dedicato ai dati dell’attività finanziaria della Regione del Veneto, riferita all’anno 2021.

    “Con il riconoscimento della parifica da parte della magistratura contabile ad inizio luglio e l’approvazione del documento finanziario in Consiglio, oltre a rispettare la tabella di marcia, dimostriamo di essere una Amministrazione trasparente e che i conti veneti sono in buona salute – spiega l’Assessore al Bilancio e alla Programmazione, Francesco Calzavara -. E poter mettere a disposizione di tutti i cittadini le risultanze finanziarie significa dare la massima trasparenza sui risultati finanziari, economici e patrimoniali del nostro ente”.

    Il Rendiconto generale del 2021 ha un valore complessivo di circa 15 miliardi di euro.

    Nel 2021 sono state accertate entrate per 15.300,66 milioni di euro che, rapportate alle previsioni definitive dei Titoli dell’Entrata pari a circa 17.154,89 milioni di euro, determinano una capacità di accertamento pari a circa l’89,19% degli stanziamenti finali. Gli impegni di spesa ammontano complessivamente a 14.976,96 milioni di euro, rispetto ad un ammontare di previsioni definitive pari a circa 18.893,64 milioni di euro. Il fondo cassa al 31 dicembre 2021 è stato di 1.462.325.639,70 euro.

    “Da questo rendiconto online emerge anche l’impegno della Regione nei confronti delle amministrazioni locali e delle province, sostenendo gli enti nel loro ruolo istituzionale a livello locale – prosegue l’Assessore -. Questo si è concretizzato con impegni per oltre 520 milioni di euro diretti a sostenere una migliore erogazione dei servizi al territorio, ben consapevole che lo stato congiunturale e le riforme incompiute a livello nazionale costituiscono un aggravio per gli Enti locali nello svolgimento del proprio ruolo istituzionale”.

    “Per quanto riguarda nello specifico le Amministrazioni comunali, le loro forme associative e le Unioni Montane, vanno segnalati, in particolare, gli stanziamenti rivolti alle politiche per la mobilità, per lo sviluppo sostenibile, l’energia ed il sociale. Temi in cui la sensibilità dei territori è più accentuata e dove andranno a incidere le scelte strategiche dei prossimi anni – sototlinea l’Assessore -, anche in considerazione delle riforme introdotte dal PNNR e che verranno attuate in ambito regionale”.

    Tra i trasferimenti più rilevanti da parte della Regione ai Comuni vanno segnalati quelli relativi a: trasporti e diritto alla mobilità (199.184.494,33 euro); diritti sociali, politiche sociali e famiglia (39.874.573,46 euro); energia e diversificazione delle fonti energetiche (17.641.790,78 euro); sviluppo economico e competitività (13.941.882,48 euro).

    Per le Comunità montane il sostegno maggiore arriva per lo sviluppo sostenibile, tutela del territorio e dell’ambiente, con trasferimenti pari a 292.843,26 euro.

    Infine, nei confronti delle Province e della Città Metropolitana, con le quali la Regione continua a confrontarsi per preservare anche il loro ruolo di coordinamento delle autonomie locali, la partita più importante riguarda i trasporti e il diritto alla mobilità, missione per la quale nel 2021 sono stati impegnati 177.508.703,53 euro.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni