domenica, 29 Gennaio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomePadovanoBassa PadovanaEste, stop ai mezzi pesanti in centro

Este, stop ai mezzi pesanti in centro

Banner edizioni

Dal 1 settembre i camion diretti al cementificio di Monselice non potranno più passare davanti al Castello di Este.

I mezzi pesanti non potranno più transitare davanti al Castello di Este. Dopo dieci anni di continui passaggi, i camion diretti al cementificio di Monselice dal 1 settembre dovranno percorrere un’altra strada. Si tratta di un provvedimento preso a seguito della scadenza della convenzione stipulata tra l’allora Cementizillo, oggi Buzzi Unicem, ed il Comune di Este.

Un accordo, firmato nel 2012 dal sindaco Giancarlo Piva, che aveva sancito il passaggio di un numero circoscritto di autoarticolati, di non oltre 250 al giorno, del peso anche di cinque tonnellate, a ridosso delle storiche mura, lungo via Martiri della Libertà, via Guido Negri, Schiavin, Caldevigo, via Petrarca e Meggairo. La convenzione però non era certo piaciuta ai residenti e alle associazioni ambientaliste e di tutela dei beni storici, che per anni hanno lamentato la pericolosità del transito, che oltre all’inquinamento creava rumori e vibrazioni, che avrebbero anche potuto danneggiare i beni storici.

La sindaca Roberta Gallana aveva cercato un modo per poter far cessare l’accordo, senza però trovare le condizioni per farlo terminare prima della sua scadenza. Una convenzione che a ben vedere era tutta a favore dei cementieri, dato che in cambio del passaggio l’azienda si era impegnata a versare nelle tasche del Comune 10mila euro all’anno. Una cifra di poco conto, rispetto al risparmio che otteneva il cementificio, riducendo con il passaggio nel centro storico di 10 km il viaggio degli autoarticolati provenienti dal comprensorio dei colli Berici e diretti al cementificio di Monselice.

Il Sindaco di Este Matteo Pajola

Con la crisi del cemento il numero di passaggi si era ridotto a circa 80 camion al giorno, ma non il disagio dei cittadini e per questo l’amministrazione di Matteo Pajola ha deciso di non rinnovare la convenzione, nonostante le spinte di Buzzi: “Sino al 31 agosto i tir potranno continuare a transitare, nonostante la convenzione sia scaduta ad inizio giugno” spiega Matteo Pajola.

“Hanno dei giorni da recuperare, ma dal 1 settembre il centro storico sarà libero dai camion. Abbiamo fatto un tavolo di lavoro e confronto con Buzzi Unicem in cui abbiamo ribadito la nostra volontà di non rinnovare la convenzione. L’azienda ha cercato di ottenere un prolungamento ma il nostro è stato un netto no, da settembre nessun camion transiterà sotto il Castello e ci saranno anche numerosi controlli per constatare che il divieto sia rispettato” conclude il sindaco. I cittadini ora potranno vedere il loro patrimonio storico rispettato, ad anche i frequentatori del centro non si imbatteranno più nel passaggio dei camion mentre percorrono le strade del centro storico e le abitazioni saranno tutelate da vibrazioni, smog, inquinamento e rumori.

Giada Zandonà

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime della provincia di Padova

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy