giovedì, 6 Ottobre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeBreaking NewsGaetano Thiene, il santo vicentino che inventò il presepe napoletano

    Gaetano Thiene, il santo vicentino che inventò il presepe napoletano

    Banner edizioni

    Tanti auguri a tutti i Gaetano! Un santo illustre anche in Sudamerica

    Un’immagine tradizionale di san Gaetano Thiene (certamente inventata perché non esistono sue immagini) e un presepe napoletano

    Tanti auguri ai Gaetano! Oggi è il loro onomastico, nel giorno in cui la Chiesa cattolica fa memoria di San Gaetano Thiene. Quest’anno ricorrono i 542 anni dalla nascita, perché il futuro santo nacque il 1° ottobre 1480 a Vicenza e morì il 7 agosto 1547 a Napoli. Alcune curiosità sulla sua vita. I genitori (entrambi nobili: papà era un Thiene e la mamma una Porto) lo chiamarono così in memoria dello zio famoso, professorone a Padova, che era nato appunto a Gaeta. Laureato in diritto a Padova, non esercitò mai l’avvocatura ma diventò prete e alfiere della controriforma cattolica: Gaetano Thiene fondò l’ordine dei teatini, il primo di chierici regolari nato dopo la controriforma. Li volle chiamare così in onore di Gian Pietro Carafa, suo amico e confratello diventato vescovo di Chieti, in latino Theate. Carafa diverrà poi papa Paolo IV.

    La venerazione di San Gaetano è diffusissima nel Napoletano, città in cui visse e operò negli ultimi 14 anni di vita. Basta pensare a quanti Gaetano si trovano nel teatro napoletano: ce ne sono due di importanti nelle commedie di Eduardo De filippo, ma uno dei protagonisti della scarpettiana “Miseria e nobiltà” (scritta dal padre di Eduardo) è proprio don Gaetano, cuoco che ha fatto fortuna.

    La chiesa e la statua di San Gaetano a Spaccanapoli in pieno centro

    A Napoli a San Gaetano è dedicata una statua nella piazza omonima, in piena Spaccanapoli, di fronte alla chiesa di San Paolo maggiore, dove si stabilì nel 1533. San Gaetano è compatrono di Napoli assieme a San Gennaro. Le ultime ricerche attribuiscono a lui la “invenzione” del presepe napoletano. Lo definisce così a chiare lettere padre don Gaetano M.a Magenis in una biografia del santo pubblicata a Venezia nel 1726 e ora conservata nella biblioteca di Santa Maria della Sanità a Napoli.

    La tradizione dei presepi a Napoli è straordinaria, basta pensare al “Natale in casa Cupiello” sempre di Eduardo, e prosegue ancora oggi con le statue artigianali in vendita a San Gregorio armeno. San Gaetano, definito santo della Provvidenza, è molto venerato nel Sudamerica, terra di emigrazione italiana. È anche il patrono del lavoro e, per attrazione, dei disoccupati. I dipinti che lo ritraggono sono presunti: non esistono immagini a lui contemporanee.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni