martedì, 4 Ottobre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomePadovanoConselvanoTribano: la “Sound Explosion” scatena le proteste dei residenti

    Tribano: la “Sound Explosion” scatena le proteste dei residenti

    Banner edizioni

    La festa della musica di Tribano quest’anno ha scatenato numerose proteste dei residenti per la musica troppo alta, il mancato rispetto degli orari degli spettacoli

    Sound Explosion
    Sound Explosion

    Ultimi giorni per la “Sound Explosion”, la festa della musica che si svolge a Tribano che vede un fitto calendario di musica live dal 3 al 15 agosto presso l’area feste di Via Grazia Deledda e la partecipazione di oltre 2000 persone a serata provenienti da tutta la provincia di Padova.

    La festa, organizzata ogni anno da Pro Loco Tribano, quest’anno ha scatenato numerose proteste dei residenti per la musica troppo alta, il mancato rispetto degli orari degli spettacoli: martedì sera la musica è stata spenta oltre l’una di notte e si è rilevato un problema di intensità del suono che si è sentito nella frazione di San Luca.

    I cittadini hanno lamentato parcheggi selvaggi nelle strade di Via Deledda e di Via Montessori (vicine all’area feste dove viene svolto l’evento) che impediscono l’accesso alle abitazioni private.

    Ma ancora più gravi sono state le segnalazioni relative a problemi di ordine pubblico. Per risparmiare elettricità da marzo 2022 i lampioni del paese si spengono automaticamente all’una di notte e lasciano le vie e il parcheggio dell’area feste completamente al buio.

    Sulla questione è intervenuto Roberto Bazzarello Consigliere di minoranza del Gruppo Rinnoviamo Tribano:

    “Ieri – 12 agosto 2022 – dopo aver ascoltato i cittadini residenti nelle zone limitrofe all’area festeggiamenti abbiamo presentato un’interrogazione al Sindaco per fare presente le lamentele che abbiamo raccolto in questi giorni che hanno visto, purtroppo, problemi di ordine pubblico.

    Per questo abbiamo proposto al Sindaco delle soluzioni, iniziando dall’invitare gli organizzatori a disporre di un servizio di ordine che assicuri la sicurezza ai partecipanti, di rispettare gli orari e il volume del suono terminando gli eventi a mezzanotte.

    La minoranza è molto critica sull’illuminazione pubblica: “Dall’11 marzo 2022 il Sindaco ha deciso di spegnere tutti i lampioni dell’intero paese (tranne la strada principale) all’una di notte per risparmiare energia elettrica e questo è inammissibile. Com’è possibile che, conoscendo i numeri dell’evento il Comune non abbia organizzato un’accensione dell’illuminazione pubblica H24? Come si fa a lasciare oltre 2000 persone al buio? E’ insicuro!” tuona Bazzarello.

    “Per questo abbiamo proposto al Sindaco di accendere l’illuminazione pubblica H24 per tutelare le persone che frequentano l’evento e di emanare un’ordinanza che veda la chiusura di Via Deledda e la regolamentazione del traffico segnalando i parcheggi e agevolando gli utenti.

    “Da Consiglieri Comunali e da cittadini siamo i primi sostenitori delle feste all’interno della Comunità e ringraziamo tutti i volontari per l’impegno profuso nell’organizzazione ma queste devono avvenire in sicurezza, nel pieno rispetto delle persone: sia degli utenti che vi partecipano, sia dei cittadini residenti.” ha concluso Bazzarello.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni