giovedì, 29 Settembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoBassanoVicenza, la Finanza denuncia due imprenditori del settore trasporti per un'evasione da...

    Vicenza, la Finanza denuncia due imprenditori del settore trasporti per un’evasione da 12,5 milioni

    Banner edizioni

    I due imprenditori sono stati denunciati dalla Finanza anche per bancarotta

    Nei giorni scorsi – informa una nota della Finanza – i militari del comando provinciale della Finanza di Vicenza hanno eseguito, su ordinanza del gip, un sequestro preventivo – diretto e per equivalente – nei confronti di due imprenditori e di una società di trasporti vicentina per reati tributari (omessa dichiarazione e omesso versamento di ritenute previdenziali e di IVA) e bancarotta fraudolenta, richiesto dalla Procura berica che ha coordinato le attività investigative.

    Si tratta dell’epilogo di un’operazione avviata in precedenza quando gli investigatori del Nucleo di polizia economico finanziaria di Vicenza, attraverso un’approfondita analisi di rischio nel settore dei trasporti su strada, avevano individuato una SPA vicentina, aggiudicatrice di grossi appalti nel settore dei delivering services, che aveva realizzato, attraverso due cooperative e cinque “srl” (con sedi fittizie a Salerno, Roma, Milano, Piacenza e Vicenza), un articolato sistema fraudolento finalizzato alla somministrazione illecita di manodopera.

    Avevano creato una società “cartiera” che emetteva fatture per servizi inesistenti

    In tale tipologia di frode – spiega la Finanza – tutte le obbligazioni nascenti dal rapporto di lavoro subordinato (versamento dei contributi, ritenute fiscali sui redditi da lavoro dipendente) vengono fittiziamente trasferite in capo ad un soggetto diverso dall’effettivo datore di lavoro, attraverso l’interposizione tra il reale datore di lavoro (utilizzatore: la spa) e il lavoratore dipendente, di un terzo soggetto (imprese di somministrazione: le srl e le cooperative), che assolve, solo cartolarmente alle funzioni proprie del datore di lavoro e che non possiede i requisiti previsti per l’esercizio legittimo dell’attività delle agenzie di somministrazione.

    Grazie alla sistematica emissione di fatture per servizi inesistenti, da parte delle imprese formalmente somministratrici di manodopera, la “spa” vicentina ha artificiosamente contenuto i costi del personale, risparmiando sui contributi ed abbattendo l’Iva, riuscendo – in spregio alle regole della libera concorrenza – ad aggiudicarsi commesse da società di rilievo nazionale ed internazionale (queste ultime estranee ed inconsapevoli di tale sistema di frode). La società vicentina – prosegue la nota della Finanza – così come le altre facenti parte del medesimo disegno criminoso, è risultata amministrata formalmente da un prestanome ma di fatto gestita da un imprenditore campano, emerso in pregresse indagini quale soggetto verosimilmente contiguo alla criminalità organizzata.

    Le altre società o cooperative sono state attivate, nel tempo, con l’obiettivo di restare operative in media tre anni, per poi essere successivamente rese inattive e sostituite dalle altre neocostituite e nelle quali venivano trasferiti i dipendenti. Si tratta, come detto, di fittizie imprese di somministrazione che presentavano, esteriormente, i caratteri tipici delle società cartiere, quali l’assenza di struttura organizzativa, la devoluzione delle funzioni amministrative e di rappresentanza legale a soggetti prestanome e il mancato rispetto degli obblighi di dichiarazione e versamento delle imposte.

    A quanto ammonta l’evasione fiscale

    All’esito delle investigazioni, le Fiamme Gialle vicentine hanno ricostruito un’evasione, per le annualità dal 2017 al 2019, di oltre 12,5 milioni di euro, di cui 7 milioni di Iva evasa a seguito di omessa dichiarazione, circa 3 milioni di IVA non versata e di 2,5 milioni di ritenute non versate. Sulla scorta degli elementi indiziari raccolti – aggiunge la nota della Finanza – che dovranno poi trovare conferma in sede dibattimentale, l’imprenditore campano amministratore di fatto anche della “spa” nonché il rappresentante legale, parimenti di origine campana, dell’unica “srl” con sede a Vicenza sono stati denunciati alla Procura della Repubblica per i reati di omessa dichiarazione e omesso versamento di ritenute e di Iva.

    Atteso poi lo stato di insolvenza di una delle imprese utilizzate per la somministrazione di manodopera, la citata “srl” vicentina con sede coincidente con la “spa” utilizzatrice della manodopera, l’autorità giudiziaria berica ha richiesto ed ottenuto a marzo del 2022 la dichiarazione di fallimento della “srl”, motivo per il quale i due indagati sono stati deferiti anche per il reato di bancarotta fraudolenta, avendo causato, per effetto del reiterato omesso pagamento delle imposte, il dissesto della società dagli stessi amministrata.

    È stato eseguito nei giorni scorsi – prosegue la nota della Finanza – un provvedimento di sequestro preventivo volto all’apprensione, in via diretta o per equivalente, delle disponibilità e dei beni posseduti dalla società coinvolta e dai due indagati, sino alla concorrenza di € 12.759.945, con cui sono stati sottoposti al vincolo cautelare 19 immobili, 28 terreni, diversi autoveicoli, quote societarie, nonché disponibilità finanziarie e liquidità collocata su oltre 70 rapporti finanziari.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni