martedì, 4 Ottobre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoVicenzaVicenza, parla Porelli: "Tosetto s'è trasformato in alfiere di quelli che ha...

    Vicenza, parla Porelli: “Tosetto s’è trasformato in alfiere di quelli che ha combattuto per 26 anni”

    Banner edizioni

    Sulla vicenda Tosetto, Valeria Porelli difende il sindaco: “Lui segue progetti personali e alternativi ai nostri”

    Valeria Porelli, assessore di Idea Vicenza nella giunta di Vicenza

    Sulla vicenda dell’assessore Tosetto liquidato dalla giunta interviene l’assessore Valeria Porelli, di Idea Vicenza che puntualizza: “L’adesione del sindaco Rucco all’ appello già firmato da tantissimi altri primi cittadini italiani per chiedere a Mario Draghi di proseguire con il suo governo non c’entra nulla con la revoca di Tosetto; semmai, al contrario, la firma di Rucco certifica la sua indipendenza dai partiti che lo sostengono e che in Parlamento lo hanno fatto cadere.

    “In secondo luogo, la scelta consapevole di Tosetto di uscire dal perimetro della maggioranza e il suo pervicace rifiuto di palesare la posizione nei confronti del sindaco che lo aveva nominato e della maggioranza che lo ha sempre sostenuto, dimostra la volontà di mantenere una distanza dalla maggioranza al solo fine di indebolirla e fare il gioco dei tradizionali avversari politici del centrodestra”.

    “Un assessorato non è proprietà privata ma rientra in un progetto complessivo”

    “Altro punto che va messo in chiaro è che un assessorato non va mai personalizzato perché non è una proprietà privata del vertice, ma piuttosto un ruolo in cui l’assessore è al servizio di un progetto, quello che nel 2018 ha fatto vincere le elezioni alla coalizione di centrodestra guidata da Francesco Rucco. L’eccessiva personalizzazione dei ruoli istituzionali ha già provocato danni nel passato e non vorremmo ripeterli”.

    “In una stagione che precede di poco l’appuntamento con il rinnovo dell’amministrazione di Vicenza, il campo in cui si muove il centrodestra insieme ai civici di Rucco è definito e può essere allargato, ma non può essere confuso con progetti personali o alternativi. E poiché il tempo è sempre galantuomo siamo certi che la città, più che gli addetti ai lavori che quasi sempre fanno il gioco delle parti, saprà giudicare e distinguere fra chi in buona fede palesa la sua posizione e chi la usa per una malintesa concezione della politica che prima di essere ascensore sociale è servizio civico”.

    “Dispiace per questi titoli di coda nella vicenda dell’ex assessore, ma la responsabilità della fine di questo film non è dei partiti di centrodestra, né di Rucco o dei suoi civici. È di Tosetto che, consapevolmente o no, si è fatto strumento di chi lui stesso ha, perlomeno formalmente, combattuto in 26 anni di campagne elettorali”.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni