domenica, 4 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeRodiginoAdriaAdria, una passeggiata letteraria in occasione dell'evento "Il Veneto che legge"

Adria, una passeggiata letteraria in occasione dell’evento “Il Veneto che legge”

Banner edizioni

Ad Adria, venerdì 30 settembre, una “Passeggiata letteraria nei luoghi e nei racconti delle famiglie scese dalla montagna”.

Un evento itinerante per celebrare la maratona di lettura “Il Veneto che legge”. É la proposta organizzata per venerdì prossimo nel centro storico della città dalla Biblioteca comunale, dalla Pro loco e da Art Flood e Rem, che fanno parte del patto della lettura. Collaborano anche la rete di volontari che ha aderito al programma  “Adria, città che legge”, la certificazione ottenuta dalla città etrusca dal Cepell e l’istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.

Quest’anno, per la maratona di lettura “Veneto legge” incentrata sulla letteratura di montagna e di collina, gli organizzatori hanno dedicato la serata del 30 settembre alle famiglie che dalla montagna si sono stabilite ad Adria e hanno avuto dei ruoli significativi in ambito economico, sociale e culturale intitolando l’evento:“Passeggiata letteraria nei luoghi e nei racconti delle famiglie scese dalla montagna”.

Il racconto delle famiglie che dalla montagna si sono stabilite ad Adria

Dal testo del “Valzer imperiale” del noto architetto e scrittore adriese Gianfranco Scarpari, in cui è descritta proprio la calata a Adria da Storo, un comune del basso Trentino, verranno raccontate le vicende della famiglia Scarpari, con il grande architetto progettista Giambattista, ma anche con Carlo, impresario che ha partecipato alla costruzione del ponte tra Mestre e Venezia, e Mario che ha creato lo zuccherificio di Porto Tolle ed è stato presidente della Provincia di Rovigo durante il fascismo. Oltre agli Scarpari sono tante le famiglie provenienti dal Trentino, dall’Alto Veneto, dal Friuli, per l’occasione della passeggiata adriese sono state raccolte informazioni sulle famiglie Dossi, Martinolli, Cuberli, Zoletto, Rigoni, Coletti, Giacomelli e Barzan.

Tanti ricordano i Dossi, provenienti da Peio come i Martinolli: i primi avevano i negozi in Via Manzoni e piazza Garibaldi, i secondi all’angolo tra piazza Cavour e via Terranova. Tuttora è presente il negozio di Giacomelli che data a 164 anni fa e vanta di essere la più antica ditta di Adria ancora presente; essi provenivano da Calalzo nel Cadore, come molti loro dipendenti.

Anche i Barzan, originari di Claut in Friuli, hanno gestito diversi negozi: di musica, di vestiti e di chincaglierie, come quello del famoso calciatore Gianangelo. Anche in altri ambiti queste famiglie hanno operato, come nella fotografia, i Cuberli, da Tricesimo in Friuli, nell’insegnamento, i Zoletto, da Mussolente, nel commercio del legname, i Coletti, da Tai nel Cadore, nell’agricoltura, i Rigoni, da Asiago. Però sono sicuramente anche altre le famiglie, forse meno note, che sono venute a Adria, in epoche diverse, da metà Ottocento al primo dopoguerra, e questa prima ricerca potrà avere degli sviluppi ulteriori.

Un racconto da Piazza Marino Marin a Galleria degli artisti

Di tutti costoro si parlerà partendo, se il tempo lo consente, da piazza Marino Marin, per convergere, in ogni caso, nella Galleria degli artisti, in cui saranno proiettate fotografie e immagini relative da queste famiglie. La partecipazione sarà aperta a quanti, discendenti da queste famiglie o interessati all’argomento, vorranno partecipare.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime della provincia di Rovigo

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy