domenica, 27 Novembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeRodiginoDeltaLa "rovra" di San Basilio protagonista ad Ariano nel Polesine grazie a...

La “rovra” di San Basilio protagonista ad Ariano nel Polesine grazie a DeltArte

Banner edizioni

Sul Delta del Po, precisamente ad Ariano nel Polesine, esiste una storia molto coinvolgente, che ha per protagonista niente meno che una quercia

La “rovra” (da rovere, n.d.r) di San Basilio è il nome di questa stupenda e maestosa quercia millenaria, che purtroppo nel 2013 è morta per malattia dopo varie vicissitudini. Per celebrarla degnamente, tra le tante iniziative succedutesi nel tempo, si è pensato di dedicarle un’opera d’arte sulla facciata della Biblioteca comunale di Ariano nel Polesine. E così la mitica “rovra” di San Basilio è finita addirittura in un’opera di arte urbana.

Il festival DeltArte, arrivato alla X edizione, e l’amministrazione comunale di Ariano nel Polesine hanno dato vita a questa nuova iniziativa culturale che mette insieme arte, tradizione, storia, ambiente e bellezza.

L’idea è partita più di due anni fa. In questo arco di tempo la prima cittadina Luisa Beltrame, affiancata dagli assessori Sandro Vidali e Martina Boscolo, si sono adoperati molto per far decollare il progetto, valutando alcuni bozzetti artistici che il festival ha messo loro a disposizione.

“Abbiamo fortemente voluto quest’opera – ha commentato la sindaca di Ariano, Luisa Beltrameperché rappresenta la memoria storica, letteraria, sociale e culturale, ambientale del nostro territorio e uno dei simboli del Delta del Po. Dopo varie valutazioni abbiamo trovato il bozzetto che meglio rappresentava la quercia con il sommo poeta”. 

La Rovra è il simbolo di un ambiente unico e delicato, carico di bellezza e maestosità, che gli abitanti devono amare, preservare e difendere. Il messaggio è di profonda attualità, vista la crisi ambientale ormai sotto gli occhi di tutti. Da sempre ricca di suggestioni e di poesia, la Rovra ha esercitato il suo fascino anche nell’immaginazione della giovane artista Rosmunda (all’anagrafe Maria Bressan) di 30 anni, originaria di Pordenone, che da anni lavora a Carrara come muralista, illustratrice e creativa. Per lei è la seconda volta al festival Deltarte, dopo il murale realizzato a giugno di quest’anno nella scuola primaria di Villanova del Ghebbo.

“Ringrazio il festival per questa nuova opportunità: confrontarmi con un soggetto classico è stato per me una sfida stimolante, dato che io provengo dal campo della scultura e di solito ho uno stile molto più simbolico e minimalista”. In tre giorni, nonostante il maltempo, la giovane artista ha realizzato un’opera murale di oltre 15 metri di altezza che si trova sulla facciata della biblioteca comunale, dietro alle scuole elementari. In questo murale Dante Alighieri, di ritorno verso Ravenna da Milano, si riposa sotto la grande quercia millenaria, simbolo del paesaggio del Delta del Po e rifugio per lo spirito.

Melania Ruggini

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy