domenica, 27 Novembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenetoAttualitàVeneto, stagione turistica: il bilancio del presidente di Federalberghi Massimiliano Schiavon

Veneto, stagione turistica: il bilancio del presidente di Federalberghi Massimiliano Schiavon

Banner edizioni

Ora che la stagione estiva sta volgendo al termine il comparto del turismo in Veneto tira le somme. Ne abbiamo parlato con Massimiliano Schiavon, presidente di Federalberghi Veneto.

È stata una stagione proficua?
Abbiamo avuto un inizio di stagione importante, subito dopo maggio, soprattutto nelle nostre coste del veneto e anche la parte del lago. Sia dai primi di giugno fino alla fine del mese di agosto, i tassi di occupazione sono stati davvero importanti; in alcuni casi, e mi riferisco ad agosto, già anche superiori ai valori che abbiamo registrato nel 2019 pre-pandemia.

Il dato è certamente positivo. Abbiamo avuto anche una montagna che ha lavorato bene nel periodo centrale del mese di luglio e agosto con il mercato interno. Un mercato interno che ha comunque riconfermato la sua presenza, quindi quella degli italiani, un po’ su tutti i nostri settori dell’offerta turistica del Veneto: parlo delle spiagge, del lago, ma anche del termale, della montagna, oltre che alle città d’arte.

Anche le città d’arte hanno registrato, in maniera un po’ atipica rispetto ai trend pre pandemia, dei buoni tassi di occupazione anche nel periodo centrale di luglio-agosto che notoriamente non erano mesi di grandissima occupazione, sia per Venezia che per Padova. Quest’anno invece molto bene. Tutt’ora è in corso su Venezia la Mostra del Cinema e la Biennale che ha fatto da traino molto bene all’occupazione delle strutture ricettive.

Abbiamo sempre fatto un po’ fatica a fare previsioni a lungo termine perché la tendenza di quest’anno, ma anche dell’anno scorso, è una prenotazione sempre molto sotto data. In questo momento abbiamo un settembre un po’ al di sotto dl trend dello scorso anno in termini previsionali, dovremo ovviamente attendere un po’ quello che succederà anche in termini meteo e vedere anche l’impatto di certe condizioni economiche avranno sulla spesa delle famiglie.

Sempre parlando di costi, il caro-bollette quanto ha inciso e quanto inciderà?
In termini di incisioni sui fatturati arriviamo a livelli spaventevoli perché sono quasi il 9% del fatturato di un’azienda, vuol dire aver avuto incrementi nel mese di luglio anche del 340% rispetto agli stessi valori dell’anno precedente.

Sono problemi abbastanza grossi per il nostro settore perché, anche se non considerato nelle casistiche del governo, è un settore energivoro, quindi per quanto riguarda soprattutto gli impianti di condizionamento, che hanno funzionato a pieno regime nel corso di tutta l’estate viste le temperature, ha generato delle bollette, già nel mese di luglio, che hanno impattato con valori veramente disarmanti e non prevedibili nei piani finanziari.

Stessa cosa ci attenderemo per agosto e per settembre. Siamo solo preoccupati che questo possa avere anche un impatto nella capacità di spesa delle famiglie che quando rientreranno dalle vacanze troveranno anch’essi le loro bollette lievitate con percentuali che superano sicuramente il doppio rispetto ai valori precedenti. In questo momento è quindi un motivo di grandissima preoccupazione del settore.

Sta mettendo un po’ in crisi anche delle scelte di prolungamento stagionale o di apertura di alcune strutture, tipo quelle delle montagne nel periodo invernale, o di altre realtà, come quelle delle città d’arte che vogliono affrontare il mese di novembre ma che dovranno fare i conti con gli impianti di riscaldamento, e quindi con il gas, che sappiamo non essere un regalo quest’anno.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy