domenica, 4 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenetoCultura e spettacoliDebutto italiano di Marie Badstue con OPV, in memoria del direttore ucraino...

Debutto italiano di Marie Badstue con OPV, in memoria del direttore ucraino Yuriy Kerpatenko

Banner edizioni

La serata è dedicata alla memoria del direttore ucraino Yuriy Kerpatenko assassinato dagli occupanti russi

Giovedì 27 ottobre alle ore 20.45 presso il Teatro Verdi di Padova la 57ª Stagione concertistica dell’Orchestra di Padova e del Veneto firmata dal direttore artistico OPV Marco Angius e intitolata Voci d’Orfeo proseguirà con un evento speciale.

Per la prima volta sul podio dell’Orchestra di Padova e del Veneto, Maria Badstue dirigerà la Suite di Ottorino Respighi intitolata Gli uccelli, raffinata orchestrazione di alcuni brani di autori di età barocca ispirati al verso degli uccelli, le travolgenti Danze popolari rumene di Bela Bartók e la Sinfonia n. 94 di Joseph Franz Haydn, denominata “La sorpresa” in riferimento ai contrasti dinamici contenuti al suo interno.

Oltre a segnare il debutto italiano di Maria Badstude, già assistente di Esa-Pekka Salonen e ora tra le più richieste giovani direttrici d’orchestra sul panorama internazionale, il concerto sarà dedicato a Yuriy Kerpatenko, direttore del Teatro e della Filarmonica di Kherson, assassinato dagli occupanti russi per essersi rifiutato di dirigere un concerto celebrativo, riaffermando con il sacrificio della vita il valore della libertà della cultura.

Ad aprire la serata, la proiezione del cortometraggio La donna svelata della regista e attrice padovana Gaia Pulliero,

Il video ideato a sostegno delle donne e degli uomini che stanno protestando in Iran a seguito della morte della ventiduenne Mahsa Amini – dichiara il Vicepresidente OPV Paolo Giarettaaffinché la libertà di scelta non sia solo un privilegio di pochi, ma un diritto di tutti. “Siate la nostra voce” è la loro richiesta: con questa proiezione vogliamo raccogliere l’appello e divenire cassa di risonanza della loro voce affinché la libertà di scelta non sia solo un privilegio di pochi, ma un diritto di tutti“.

Maria Badstue

Innovazione, passione e versatilità sono i tratti distintivi della direttrice d’orchestra danese Maria Badstue, nata in India ed elogiata come “una delle migliori giovani musiciste di oggi” (Berlingske Media). Vincitrice della prestigiosa Taki Alsop Conducting Fellowship (TACF) nel 2019, Maria Badstue è molto popolare nei paesi nordici, in particolare Svezia, Danimarca e Norvegia.

Cofondatrice del The Ørestad Klassiske MusikFestival di Copenaghen, un nuovo festival musicale incentrato sui giovani e l’ambiente, al suo debutto in Italia con l’Orchestra di Padova e del Veneto seguirà quello in Francia con l’Orchestre Philharmonique de Nice e a primavera negli Stati Uniti.

Ospite della Filarmonica della Danimarca meridionale, la Filarmonica di Copenaghen, la Royal Danish Orchestra, le Orchestre sinfoniche svedesi di Göteborg, Helsingborg e Malmö, oltre alla Taki Alsop Conducting Fellowship Maria Badstue è stata vincitrice del 5° Concorso Lovro von Matatic con l’Orchestra della Radio e della Televisione Croata, e ha ricevuto il Premio Sonning Talent, una borsa di studio della Augustinus Foundation (Danimarca) e una dalla Hämeenlinna City.

Trombettista qualificata, Maria Badstue ha lavorato come solista in Danimarca e Finlandia prima di concentrarsi sulla carriera di direttore d’orchestra.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime notizie della provincia di Padova

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy