domenica, 4 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeBreaking NewsRovigo, il castello torna finalmente al suo splendore

Rovigo, il castello torna finalmente al suo splendore

Banner edizioni

Numerosi i progetti in programma per la valorizzazione: il castello, antica fortezza di Rovigo, è uno dei simboli della “città delle rose”

Sono passati ormai oltre 1100 anni dalla fondazione del castello di Rovigo, luogo attorno al quale poi si sviluppò il capoluogo polesano. L’antica fortezza medievale è ancora oggi considerata il simbolo della “città delle rose” ed è certamente uno dei monumenti più cari ai rodigini, tanto che negli ultimi anni è stata teatro di numerose manifestazioni pubbliche e incontri: dal Cineset estivo fino al Festival biblico, senza tralasciare naturalmente il Rovigo Racconta, la manifestazione annuale più seguita della città.

Tovo: “Stiamo programmando la riapertura della torre al pubblico

Non sono stati però solo gli eventi a succedersi nel cuore medievale di Rovigo, altrettanto numerosi sono stati anche i lavori di ristrutturazione e di sistemazione dei giardini di Piazza Matteotti: il nuovo impianto di illuminazione, la manutenzione delle aree verdi e soprattutto i lavori di restauro su Torre Donà, terminati ormai nel dicembre del 2019. Però non tutto è andato secondo i piani, come spiega l’assessore alla cultura e vicesindaco Roberto Tovo: “La torre è agibile, ma permangono i problemi sulla libera visita della struttura. Per salire sulla cima risulta necessario l’accompagnamento da parte di più guide specializzate. Per tale motivo stiamo programmando la riapertura della torre al pubblico, che avverrà a partire da metà settembre o al massimo da ottobre, in collaborazione con operatori turistici”.

L’assessore alla cultura: “Creare un percorso turistico

“Per accedere all’edificio nei prossimi mesi rimarrà necessaria dunque la prenotazione – continua Tovo -. Uno degli obiettivi di questa amministrazione è quello di creare un percorso turistico nella nostra città, valorizzando i beni artistici e culturali del territorio, un esempio di ciò è stata la creazione, lo scorso anno, dell’ufficio di informazione turistica in Piazza Vittorio Emanuele II e certamente in tale prospettiva Torre Donà, in quanto simbolo di Rovigo, ricoprirà un ruolo centrale nel contesto turistico che stiamo cercando di realizzare”.

Crollata una piccola porzione delle secolari mura del castello

Nel frattempo, la rivitalizzazione dell’area prosegue; infatti, i giardini di Piazza Matteotti saranno il teatro di nuovi eventi anche nel corso del mese di settembre: da RoRegeneration, fino al Festival Solidaria, in corso fino al 2 ottobre. Sono dunque numerosi i progetti e le iniziative in programma che interesseranno la fortezza rodigina, nonostante ciò, la strada verso la valorizzazione di questo gioiello della nostra città appare ancora ricca di ostacoli. Recentemente, ad esempio, si è verificato il crollo di una piccola porzione delle secolari mura del castello posta esattamente di fronte all’ingresso per il pubblico di torre Donà, proprio a ridosso della riapertura al pubblico dell’edificio medievale.

La situazione appare decisamente più luminosa rispetto ad un tempo

Luci ed ombre accompagnano Piazza Matteotti, dove però la situazione appare decisamente più luminosa rispetto ad un tempo, quando l’area veniva associata esclusivamente al vandalismo e al degrado. I lavori e le iniziative degli ultimi anni stanno cominciando a mostrare i primi frutti, rimangono però ancora molti gli accorgimenti da prendere, ma il futuro appare promettente.

Davide Farinatti

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy