mercoledì, 30 Novembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeBreaking NewsVenezia: presentato il nuovo Comandante dei Carabinieri

Venezia: presentato il nuovo Comandante dei Carabinieri

Banner edizioni

Il Generale di Brigata Nicola Conforti è il nuovo Comandante dei Carabinieri di Venezia

Generale di Brigata Nicola Conforti
Generale di Brigata Nicola Conforti

Venezia può contare ora su una nuova figura nell’Arma, pronta a mantenere in sicurezza il territorio: è il nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Venezia, Nicola Conforti, Generale di Brigata che oggi è stato presentato nel corso di una conferenza stampa.

Il Generale di Brigata Nicola CONFORTI, nato a Massafra (TA) nel 1970, ha frequentato, dal 1986 al 1991, la Scuola Militare Nunziatella, l’Accademia Militare di Modena e la Scuola Ufficiali Carabinieri.

Dopo la fase formativa, nel settembre del 1993 è destinato alla Compagnia Carabinieri di Marsala, quale Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile, dove resta fino al settembre 1995, prima di essere trasferito all’Accademia Militare con l’incarico di Comandante di plotone Allievi Ufficiali Carabinieri.

Dal settembre 1997 al settembre 2000 regge il Comando della Compagnia Carabinieri di Gallarate (VA). A seguire, fino a settembre 2003, è Comandante della Compagnia Carabinieri Napoli-Vomero.

Dal 2003 al 2011, presta servizio al Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri presso gli Ufficio Piani e Polizia Militare (oggi denominato Polizia Militare e di Stabilità) e Cooperazione Internazionale.

Nel settembre 2011, nel grado di Tenente Colonnello, assume l’incarico di Comandante del Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata (NA) ove resta sino al settembre 2014.

È promosso Colonnello il 1° gennaio 2014.

Dopo aver frequentato, nell’anno academico 2014/2015, il corso di Alta Formazione presso la Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia a Roma, viene assegnato al Provinciale Carabinieri di Brindisi, comando che regge fino al settembre 2017.

Dal settembre 2017 al 25 settembre 2022 presta nuovamente servizio al Comando Generale, prima quale Capo Ufficio Cooperazione Internazionale e, nell’ultimo anno, quale Vice Capo II Reparto (impiego delle forze) occupandosi della proiezione internazionale dell’Arma.

È promosso Generale di Brigata il 1° gennaio 2022.

Ha preso parte alla missione internazionali, per conto delle Nazioni Unite, in Bosnia Erzegovina (UNMIBH) da giugno 1998 a giugno dell’anno successivo ed in Libano (UNIFIL) da febbraio a ottobre 2008.

Dal 26 settembre 2022 è Comandante Provinciale Carabinieri di Venezia.

Nuovo comandante dei Carabinieri di Venezia: il saluto di Luca Zaia

“Insieme al benvenuto al Generale di Brigata, Nicola Conforti, voglio confermare la massima disponibilità da parte della Regione del Veneto all’Arma, in uno spirito di collaborazione istituzionale. Ringrazio, inoltre, il suo predecessore, il colonnello De Luchi per l’impegno e l’abnegazione dimostrata in questi anni sul territorio veneziano”.

Lo dice il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, salutando l’insediamento del nuovo comandante provinciale dei Carabinieri di Venezia.

“Ogni giorno, le donne e gli uomini dell’Arma rappresentano un presidio fondamentale per garantire la sicurezza dei cittadini e la difesa della legalità – prosegue il Governatore del Veneto -. Conforti ha un curriculum di rilevo e le sue precedenti esperienze, alla testa di un Comando provinciale e nella cooperazione internazionale, saranno utili nello svolgere il suo nuovo incarico in terraferma e nella laguna di Venezia”.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime notizie della provincia di Venezia

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy