venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeVicentinoBassanoBassano, quattro incontri con esperti sul tema dell'adolescenza

Bassano, quattro incontri con esperti sul tema dell’adolescenza

Tempo di lettura: 4 minuti circa

Una adolescenza o tante adolescenze? Incontri, dialoghi e sguardi verso mondi possibili a Bassano

L’Assessorato alla Persona e Famiglia ha promosso un percorso formativo avente come focus i preadolescenti e gli adolescenti e come protagonisti i giovani stessi. “Il mondo dell’adolescenza si presenta sempre più complesso ed in esso trovano la loro espressione non solo i fenomeni legati allo sviluppo fisico e alla trasformazione della personalità, ma anche tutte le situazioni legate ai condizionamenti esercitati dalla famiglia, dal gruppo dei pari, dalla scuola, dalla società, dai mezzi di informazione e, soprattutto, dai nuovi “social network” – spiega l’Assessore Mavì ZanataIl mondo giovanile si sta evolvendo velocemente lasciando spesso gli adulti impreparati nell’affrontare situazioni e comportamenti a cui si fatica dare una risposta. Spesso sono gli adulti a determinare i bisogni dei giovani lasciando a questi ultimi un ruolo marginale. Attraverso la proposta “Una adolescenza o tante adolescenze?” vogliamo ascoltare direttamente i ragazzi e le ragazze permettendo loro di esprimere le proprie idee ed emozioni attraverso specifiche forme espressive”.

Il percorso è pensato per sostenere i genitori e le figure educative che si occupano di accompagnare gli adolescenti nel percorso di crescita personale e sociale, ma è anche un’occasione per promuovere la cultura del confronto e del dialogo positivo tra adulti e adolescenti.

Sono quattro gli appuntamenti coordinati dalla giornalista Angelica Montagna e ogni incontro vede la presenza di un esperto che darà il proprio contributo intervallato dalle performance dei giovani.

I ricercatori – prosegue l’Assessore Zanataci dicono che, da alcuni anni, è in atto una mutazione generazionale che non ha eguali nei decenni precedenti. Come è possibile, alla luce di questo stravolgimento, portare avanti ancora il nostro compito di educatori, insegnanti, genitori? Gli adolescenti di oggi devono costruire un proprio modo di apprendere, dare senso ai propri vissuti e abitare il mondo, attuare tecniche di resistenza a problemi nuovi, in un periodo della vita già di per sé ricco di inquietudini, trasformazioni. Spesso ci riescono, ma le soluzioni non sempre le riconosciamo perché lontane dal nostro modo di vedere, altre volte fanno molta fatica, perché il compito, oggettivamente, non è facile. Per questa ragione l’approccio metodologico di ogni intervento sarà di tipo esperienziale, in modo da stimolare il continuo confronto tra le conoscenze e competenze degli esperti e i vissuti degli adolescenti”.

Il percorso può essere di aiuto ai professionisti più giovani, cresciuti in un contesto sociale e culturale simile a quello degli adolescenti, per utilizzare questo bagaglio in modo efficace nel proprio lavoro. É un’occasione di rivisitazione della consolidata esperienza di lavoro per i senior, che attraverso la conoscenza degli universi delle nuove generazioni, possono riconoscere le proprie competenze, non come obsolete, bensì come risorse imprescindibili ed efficaci, se messe però in relazione alle nuove dimensioni educative. Gli incontri sono gratuiti e si terranno presso il Teatro Remondini, Via SS. Trinità, 8/C – Bassano del Grappa.

Il primo appuntamento è programmato per sabato 19 novembre 2022 dalle ore 9 alle ore 12.00 e sarà condotto dal Dott. Cesare Maffei, psichiatra, psicoterapeuta e Primario del Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia dell’Istituto Scientifico H San Raffaele.

L’incontro focalizzerà l’attenzione sul “Ben-essere degli adolescenti” ed è pensato per trattare e analizzare i temi principali da considerare nel lavoro con i nuovi adolescenti ed intercettare, quando necessario, i segnali di disagio. E’ anche l’occasione per comprendere quali possono essere gli strumenti educativi e formativi efficaci per lavorare con questa specifica utenza e cosa si aspettano gli adolescenti dal mondo adulto tra la libertà assoluta e la gabbia del conformismo. Qual è la linea di demarcazione oltre la quale un comportamento adolescenziale può essere considerato problematico?

Il secondo incontro si terrà sabato 26 novembre 2022 dalle 9.00 alle 12.00 con la presenza del Dott. Michele Dotti: educAttore, scrittore, formatore, impegnato in spettacoli formativi per studenti e corsi di formazione per insegnanti. L’appuntamento è dedicato principalmente agli insegnanti e mira a riflettere su come costruire rapporti educativi in ambito scolastico mantenendo vivi i processi di apprendimento.

Gli insegnanti raccontano della difficoltà di gestire gruppi classe “difficili”, con studenti che talvolta si mostrano disinteressati al lavoro proposto, incuranti delle regole, insubordinati a qualsiasi tipo di autorità posta a priori. Quali sono le strategie per affrontare questa situazione e sostenere processi di apprendimento? Quali sono le specificità generazionali che si riversano sull’atteggiamento in classe e nei confronti della scuola? Come è possibile, per un insegnante, reggere un ambiente caotico e percepito come ostile trasformandolo in uno spazio generativo? Come la scuola può accompagnare l’adolescente nella transazione all’età adulta?

Il terzo incontro è programmato per sabato 3 dicembre 2022 dalle ore 9.00 alle ore 12.00 ed è l’occasione per osservare ancora più da vicino le culture giovanili e le possibilità creative delle nuove generazioni. Grazie alla presenza del Dott. Matteo Lancini, psicoterapeuta e presidente della fondazione ‘’Minotauro’’ di Milano, avremo modo di conoscere le culture giovanili come semi di un modello pedagogico innovativo. Si rifletterà su come la combinazione di alcuni caratteri fondanti – l’elemento narrativo, ludico, simbolico, la rielaborazione di stimoli mediatici e il rapporto aperto e irriverente con le tecnologie – possa rappresentare una modalità inedita e attuale per dare senso all’esperienza. Le forme espressive delle giovani generazioni testimoniano i diversi modi nel prendersi cura di sé e del proprio ambiente sociale in un’epoca di forti cambiamenti e instabilità. Come un territorio con le sue varie realtà (mondo associazionistico, offerte di mercato, parrocchia) può tener conto delle forme espressive degli adolescenti?

L’ultimo appuntamento è per mercoledì 14 dicembre 2022 dalle ore 9.00 alle ore 12.00 ed è dedicato alla dimensione familiare e al rapporto tra genitori e figli e vede la presenza della Dott.ssa Paola Schiavi, psicoterapeuta.

Gli adolescenti odierni navigano in acque molto diverse rispetto al passato. Sono nati e cresciuti all’interno di nuclei familiari con caratteristiche molto diverse da quelle che connotavano la tradizionale famiglia normativa. La crisi dell’autorità paterna, ancora oggi non superata, la caduta dei grandi valori, la complessità sociale, la globalizzazione e internet hanno determinato uno scenario affettivo e culturale del tutto nuovo, all’interno del quale si è declinato un nuovo modo di interpretare il ruolo materno e paterno. L’incontro ha l’obiettivo di promuovere l’acquisizione di competenze che consentano di utilizzare chiavi di lettura non banali e modelli interpretativi non stereotipati rispetto ai bisogni e ai comportamenti degli adolescenti odierni, i quali ricercano, oggi più che mai, una funzione genitoriale autorevole, capace di accompagnarli verso il futuro, senza lasciarli soli.

Ogni incontro vede la partecipazione attiva degli studenti afferenti alla scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado del territorio che nelle settimane antecedenti all’appuntamento affiancati da un insegnante, prepareranno la propria performance. Al termine di ogni seminario gli studenti dell’ENAIP prepareranno un aperitivo non alcolico.

 
 
 

Le più lette