giovedì, 9 Febbraio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenezianoRiviera del BrentaDolo, il vicesindaco Matteo Bellomo: ''Stallo sul deposito Actv''

Dolo, il vicesindaco Matteo Bellomo: ”Stallo sul deposito Actv”

Banner edizioni

Le dichiarazioni in consiglio del vicesindaco Matteo Bellomo: ”La sensazione è che Actv non abbia più la necessità di spostare il deposito”

Sono sorte alcune perplessità anche sulla questione dal sindaco Gianluigi Naletto e nel frattempo, un comitato ha dato incarico ad un avvocato padovano di redigere un esposto agli enti interessati.

Sorpresa durante un consiglio comunale nelle scorse settimane per l’annuncio da parte del vicesindaco di Dolo, Matteo Bellomo, riguardo la mutata situazione in merito allo spostamento del deposito dell’Actv da via Matteotti a via Perosi, lungo la bretella est.

La situazione – ha detto – è in fase di stallo, ci sono problemi economici importanti e la sensazione è che Actv non abbia più la necessità di spostare il deposito”. Una dichiarazione che ha sorpreso anche perché lo scorso anno era stato reso noto come fosse stato siglato un protocollo d’intesa per lo spostamento del deposito dei mezzi pubblici, con annessa officina, che si trova in via Matteotti dove, secondo gli obiettivi dell’amministrazione comunale, dovrebbe avvenire una riqualificazione dell’area per ospitare un parcheggio che fungerà da porta est d’ingresso nel paese.

È cambiata l’amministrazione – ha spiegato Bellomo – come le indicazioni e le necessità. Non abbiamo ancora chiaro quali sono le richieste tecniche da parte dell’azienda che ha solo indicato come il deposito debba rispondere a caratteristiche i cui costi ammontano a oltre sei milioni di euro”. Anche il sindaco Gianluigi Naletto ha espresso perplessità.

Con i vertici dell’azienda ci siamo incontrati varie volte – ha detto per cercare di trovare una soluzione. ”Da parte nostra abbiamo dato la disponibilità ad acquistare il terreno dove dovrebbe sorgere il nuovo deposito. Credo che oltre allo sforzo economico del Comune, sia importante che intervengano altri enti come la Città Metropolitana e la Regione visto che il servizio interessa tutto il bacino e, anzi, coinvolge anche la provincia di Padova. Come amministrazione riteniamo sia indispensabile riappropriarsi di un’area strategica per il paese, vicina al Naviglio e, quindi, di rilevante valenza paesaggistica e turistica, ubicata in un quartiere residenziale e di pregio che, oltretutto, si sta sviluppando con nuovi insediamenti che rispettano i crismi di sostenibilità ambientale”.

A sollecitare una soluzione alla problematica, anche un comitato che raggruppa una quarantina di persone che è denominato “Per la riqualificazione dell’area deposito Actv di Dolo” e che ha dato mandato all’avvocato padovano Adriano Trevisan di redigere un esposto, inviato ai vari enti interessati. Nell’esposto si evidenzia come la presenza del deposito sia fonte d’inquinamento atmosferico e acustico ma anche inadeguato ad ospitare i mezzi.

Lino Perini

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime notizie della provincia di Venezia

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy