sabato, 10 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomePadovanoPadovaPadova, pronte le consulte di quartiere. La maggioranza indica la lista dei...

Padova, pronte le consulte di quartiere. La maggioranza indica la lista dei 100

Banner edizioni

Tutto pronto per le nuove consulte di quartiere. La maggioranza indica la lista dei 100

Era il 23 luglio 2018 quando il Consiglio comunale di Padova approvò il nuovo regolamento sulle Consulte di Quartiere. Ed dopo l’iter per la nomina delle nuove Consulte Quartiere, iniziato il 5 luglio con l’insediamento del primo consiglio Comunale, il percorso ha chiuso il cerchio.

” Finalmente siamo arrivati alla nomina delle consulte di quartiere e sono contenta che il percorso sia stato affrontato con grande spirito di accordo e condivisione tra la maggioranza, così come confido ci sia stato anche nella minoranza –  commenta l’assessora al decentramento Francesca Benciolini – Nelle prossime settimane questi organi potranno insediarsi per riprendere quel costante dialogo con l’amministrazione che ha caratterizzato il loro lavoro, ma soprattutto per favorire la partecipazione di cittadini e cittadine alla vita della città.

Bilancio partecipato

Le Consulte sono lo strumento messo a punto dall’Amministrazione con l’obiettivo di favorire la partecipazione attiva dei cittadini e delle cittadine alla vita della città, di coinvolgere un ampio numero di persone nelle scelte che riguardano i singoli rioni, nella gestione dei beni comuni, nella vita sociale e culturale dei luoghi in cui si vive e si opera.

Abbiamo alcuni temi urgenti e importanti da affrontare. Innanzitutto il bilancio partecipato per il 2023, sul quale le consulte hanno un importante ruolo di raccolta di proposte e stimoli dal territorio.In questi mesi molte sono le istanze arrivate dai territori e l’assenza di un raccordo era evidente. –  continua Benciolini – L’altro appuntamento importante che affronteremo nei prossimi anni è la valutazione, in un percorso di ridiscussione, dello strumento e del suo funzionamento, anche alla luce di quello che sta avvenendo in altri comuni di medie dimensioni in cui la mancanza delle circoscrizioni ha favorito l’avvio di riflessioni e processi per ridefinire il ruolo di questi orgnaismi intermedi in una direzione di maggior partecipazione attiva, slegata dalle nomine consiliari. Il tema è stato discusso anche ieri all’assemblea nazionale dell’ANCI, in un focus cui ho partecipato portando la nostra esperienza.”

La maggioranza

I capigruppo di maggioranza – Gianni Berno, Luigi Tarzia, Marta Nalin, Paolo Sacerdoti, Antonio Foresta – hanno inviato al Presidente del Consiglio la lista con i 100 nominativi che rappresenteranno la stessa maggioranza nella costituzione delle 10 Consulte di Quartiere, specificando che le Consulte saranno composte da 160 persone: 100 di maggioranza e 60 di minoranza.

Le Consulte di Quartiere rappresentano una delle forme più alte di cittadinanza attiva e sono riuscite a unire nella passata consiliatura le istanze del territorio al Consiglio e alla Giunta. commentano i capogruppoIn  questo mese, per rinsaldare questa finalità, c’è stato un lavoro costante teso a verificare le liste dei tanti cittadini e cittadine, che hanno offerto la propria disponibilità iscrivendosi all’albo delle Consulte.”

Ringraziamo le 100 persone che presto saranno ufficialmente rappresentanti nelle nuove Consulte e potranno insediarsi insieme a quelle nominate dalla minoranza per ricominciare quel prezioso lavoro nei quartieri, per dialogare con chi li vive e supportare il Comune nell’identificare i bisogni, i problemi da risolvere e trovare insieme le giuste risposte per migliorare sempre più la qualità e la vivibilità di ogni zona e quartiere della nostra Città. -commentano i capogruppo – Un lavoro prezioso, un gioco di squadra che rende le istituzioni più vicine alla cittadinanza e permette una partecipazione in organismi che dialogano costantemente con le comunità territoriali.”

La maggioranza ha già trovato un accordo anche sulle presidenze e vicepresidenze , che comunque dovranno essere votate e condivise da ciascuna Consulta, cercando di dare rappresentatività alle persone referenti nominate da tutti i gruppi consiliari nella consapevolezza che presidenti e vicepresidenti hanno il ruolo di far funzionare al meglio la consulta valorizzando tutti e tutte, consultieri e consultiere, e attivando le varie commissioni che potranno accogliere ulteriori disponibilità di cittadini e cittadine che vogliano impegnarsi per il bene della propria comunità.”

Le indicazione dei nomi

  • Consulta 1 Presidente Verrecchia Francesca (Lista Giordani) – Vice Zaggia Elena (Padova Insieme)
  • Consulta 2 Presidente Forner Carlo (Lista Giordani) – Vice Rolle Mauro (C. Civica)
  • Consulta 3A Bresin Silvia (Lista Giordani) – Vice Bocchetti Manuela (PD)
  • Consulta 3B Casetto Fabio (PD) – Vice La Carla Maria Paola (Lista Giordani)
  • Consulta 4A Giacon Celestino (Coalizione Civica) – Vice Drago Gianni (PD)
  • Consulta 4B Sanco Alessandro (PD) – Vice Beninca Sabrina (Lista Giordani)
  • Consulta 5A Fontolan Valentino (Per Padova) – Vice De Blasi Claudia (C. Civica)
  • Consulta 5B Masciadri Mila (Padova Insieme) – Vice Ianniti Roberto (C. Civica)
  • Consulta 6A Sardena Luciano (PD) – Vice Zanovello Marta (Per Padova)
  • Consulta 6B Cesaro Andrea (PD) – Vice Ghedin Mattia Gregorio (Lista Giordani)

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime notizie della provincia di Padova

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy