martedì, 31 Gennaio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeBreaking NewsPorto Viro, il 15enne AstroTommy ha creato il satellite CanSat

Porto Viro, il 15enne AstroTommy ha creato il satellite CanSat

Banner edizioni

La scuola di Porto Viro di AstroTommy parteciperà a CanSat Italia, una competizione delle agenzie spaziali italiana ed europea

Tommaso Schiesaro è un quindicenne di Porto Viro appassionato di razzimodellismo e recentemente ha creato e lanciato un piccolo satellite chiamato CanSat, delle dimensioni di una lattina (per l’appunto dall’inglese can). AstroTommy, questo il suo nome d’arte, è parte di un team di coetanei, la ATS Sciences Corporation, sparso in tutta Italia da Gorizia a Fermo, con i quali condivide la passione per le discipline scientifiche: tecnologia, elettronica, astronautica e biologia solo per citarne alcune; si tengono in contatto su Telegram e il giorno del lancio si ritrovano per collaborare.

Il primo, e finora ultimo lancio è avvenuto a Molinella e come racconta Tommaso “è stato un pieno successo, abbiamo rispettato tutti i criteri, sia primari che secondari, per un volo che ha toccato i 350 metri di altezza. Unico intoppo, ci siamo giocati l’atterraggio per via di un nodo troppo stretto che ha fatto schiantare al suolo il satellite a 137 km/h; la parte elettronica però ha tenuto bene e abbiamo anche registrato un video con una microcamera inserita nel CanSat che doveva riprendere la discesa”.

Lo scopo di questa prima impresa era testare i dati del nuovo lanciatore e i valori di pressione, altezza, temperatura e accelerazioni; e come ogni programma che si rispetti sono previsti altri cinque lanci Cansat entro il 2030. “Già con il prossimo, forse a fine marzo, miriamo ad avere una ‘lattina’ più potente, che possa arrivare ad un’altezza di circa un chilometro e mezzo, e tra gli obiettivi quello di misurare l’inquinamento, come si muove, e la differenza di quest’ultimo tra una zona urbanizzata e la campagna”.

Ma come è nata questa passione? Il giovane portovirese lo ricorda alla perfezione: “Era il 31 dicembre 2014 e mentre aspettavo annoiato il capodanno in famiglia ho beccato su YouTube il video di due cosmonauti russi che compivano una EVA: una scena che mi è rimasta talmente impressa che la ricordo come fosse ieri. Nel tempo ho cercato notizie su uno strumento che avevano in mano – e che ho poi scoperto essere una torcia olimpica in occasione delle Olimpiadi invernali di Sochi – e sono entrato a far parte del Gruppo Astrofili Polesani e dell’ISAA”.

Tommaso attualmente frequenta la seconda del liceo scientifico e nel suo futuro vede senza dubbi ingegneria aerospaziale (a Padova, Milano o Torino, resta da decidere). Nella sua scuola è completamente supportato dai docenti e dai compagni, tanto che come istituto parteciperanno a CanSat Italia, una competizione delle agenzie spaziali italiana ed europea. I complimenti per il suo lavoro gli sono arrivati anche da un post del governatore Luca Zaia.

Fabio Pregnolato

 

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime della provincia di Rovigo

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy