sabato, 10 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenezianoRiviera del BrentaArtigiani Riviera del Brenta: "Calzaturiero in difficoltà"

Artigiani Riviera del Brenta: “Calzaturiero in difficoltà”

Banner edizioni

Il capo categoria del settore calzaturiero: ”Sempre meno cultura legata alla manualità e non si trovano più operai”

Il settore calzaturiero in Riviera del Brenta a livello di imprese artigiane va a gonfie vele. Rispetto al periodo pre covid e cioè rispetto al 2019, si assiste ad un incremento del 20% in termini di produzione. Resta il problema del costo dell’energia e soprattutto
della scarsità della manodopera sia specializzata che generica. A fare il punto della situazione è Adriano Agostini capo categoria del comparto moda dell’Associazione Artigiani Piccola e Media Impresa.

“Città della Riviera del Brenta” che conta una cinquantina di aziende iscritte fra calzaturifici e imprese collegate (tomaifici, tacchifici) e le aziende del comparto tessile. “La crisi – spiega Agostiniche si era generata con l’arrivo della pandemia, è stata superata direi in modo brillante. Le richieste di casse integrazioni che caratterizzavano il 2020 e il 2021, ora sono praticamente vicine allo zero. Nel segmento del comparto del lusso, che caratterizza da anni le produzioni di scarpe da donna della Riviera del Brenta, gli ordini vanno a gonfie vele. Le aziende artigiane della calzatura nel comprensorio va detto, si caratterizzano sia per lavorare con le griffe che per vendere sul mercato prodotti con marchi propri”.

Non mancano però dei problemi. “Uno dei problemi più importanti – spiega Agostiniè quello relativo all’aumento del costo dell’energia elettrica. Le bollette di fatto sono più che triplicate rispetto al periodo pre–crisi energetica. C’è poi l’assoluta carenza di
personale”.

Agostini sottolinea che non si tratta almeno in Riviera e per questo comparto, di una questione legata al reddito di cittadinanza come potrebbe essere invece per altre realtà produttive. “Il problema principale – spiega Agostiniè che c’è sempre meno una cultura
legata alla manualità e non si trovano più ne operai specializzati ma neanche generici. Insomma una situazione davvero complicata in cui le aziende fanno fatica a tenere il passo dell’aumento degli ordinativi non avendo più personale a disposizione”.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime notizie della provincia di Venezia

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy