sabato, 10 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeBreaking NewsTrevigiano, blitz dei Carabinieri nei calzaturifici: lavoratori pagati 3,20 euro all'ora e...

Trevigiano, blitz dei Carabinieri nei calzaturifici: lavoratori pagati 3,20 euro all’ora e immigrazione clandestina

Banner edizioni

Arresti e denunce per sfruttamento del lavoro e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in quattro laboratori calzaturieri del trevigiano.

Turni di lavoro massacranti, alloggi precari e una retribuzione tra i 3,20 e i 3,50 all’ora. É  quanto accadava in alcuni laboratori e calzaturifici, tutti di proprietà cinese, collocati nei Comuni di Altivole, Asolo e Borso del Grappa. La grave situazione è emersa grazie a un’operazione svolta dai Carabinieri Compagnia di Castelfranco Veneto, in collaborazione, per quanto attiene alle fasi di accertamento e verifica, con il personale del Gruppo Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Venezia e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Treviso.

Altivole: operai alloggiati in roulotte dismesse

Ad Altivole (TV), arrestati nella flagranza dei reati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, aggravato, continuato e in concorso, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, aggravato, continuato e in concorso 4 soggetti, un 48enne, una 46enne, un 45enne e un 51enne, tutti di origini cinesi dimoranti nella zona, bloccati mentre stavano svolgendo attività di sorveglianza e controllo nei confronti di due lavoratori di origini pakistane, assunti con contratto “part-time”, analogamente ad altro connazionale identificato sul posto, ma al momento non impegnato in mansioni lavorative, tutti regolarmente presenti sul territorio nazionale.

Le verifiche contestualmente esperite hanno permesso di accertare che i tre operai percepivano, in palese violazione delle clausole stabilite, la retribuzione oraria di 3,20 euro con turni giornalieri di 10 ore, senza diritto ai  periodi di riposo settimanale previsti e di ferie, in un luogo di lavoro privo dei requisiti in materia di sicurezza e igiene, collocati in precarie condizioni alloggiative, all’interno di roulotte dismesse, senza servizi igienici e riscaldamento.

Inoltre, gli arrestati, secondo una prima ricostruzione, risulterebbero avere favorito l’immigrazione di due cittadini cinesi, clandestinamente presenti in Italia, ai quali avrebbero fornito ospitalità in alloggi ricavati all’interno dell’area del laboratorio. Nella circostanza è stato applicato un provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale, in conseguenza dell’identificazione di 19 lavoratori, dei quali 4 non in regola con le procedure di assunzione e di riscontrate violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Irrogate sanzioni amministrative per 21mila euro complessivi e ammende per  173mila euro totali.

Borso del Grappa: retribuzione di 3,50 euro e turni da 10 ore

A Borso del Grappa, all’interno di un tomaificio, arrestati, in flagranza dei reati già sopra menzionati, una donna 41enne di origini cinesi che è stata identificata dai militari dell’Arma operanti nell’atto di svolgere attività di sorveglianza e controllo nei confronti di 8 operai di origini pakistane impegnati in mansioni di manodopera, dei quali 6 assunti con contratto “part-time” e 2 irregolarmente presenti sul territorio nazionale e denunciato in relazione alle medesime fattispecie delittuose un altro soggetto di origini cinesi.

All’esito delle verifiche, è stato accertato che i due indagati, in concorso tra loro e in violazione delle clausole contrattuali, corrispondevano agli 8 lavoratori la retribuzione oraria di 3,50 euro, con turni giornalieri di 10 ore, senza diritto ai periodi di riposo settimanale e di ferie, in ambienti lavorativi privi dei previsti requisiti di sicurezza e igiene, mettendo loro a disposizione alloggi in precarie condizioni igieniche, ricavati all’interno di un’abitazione attigua al laboratorio, favorendo così anche l’immigrazione clandestina dei 2 lavoratori pakistani irregolari sul territorio nazionale.

Alla luce di tutto questo, è stato adottato un provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale, a seguito dell’accertamento dell’impiego di 20 lavoratori identificati, tutti non in regola con le procedure di assunzione e di constatate violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Irrogate sanzioni amministrative per complessivi 78mila 444 euro e ammende per totali 27mila 272 euro.

(Continua dopo il video…)

Asolo: ammende per 176mila 122 euro

Ad Asolo, all’interno di un tomaificio e di un laboratorio tessile, denunciati per i reati già citati tre cittadini di origine cinese, due donne ed un uomo, i quali, in concorso tra loro, violando le clausole contrattuali, risultavano aver impiegato 3 operai pakistani e 2 cittadini cinesi, tutti assunti con contratto “part-time”, regolarmente presenti in territorio nazionale, con retribuzione oraria di 3,20 euro, turni giornalieri di 10 ore, senza diritto ai periodi di riposo settimanale e di ferie, in ambienti di lavoro privi dei regolari requisiti di sicurezza e igiene, mettendo loro a disposizione alloggi in precarie condizioni igieniche, ricavati all’interno di locali dei due laboratori, dove davano ospitalità anche a una terza cittadina cinese, irregolare sul territorio nazionale.

É stato applicato anche in questo caso un provvedimento di sospensione di entrambe le attività imprenditoriali, in conseguenza dell’identificazione di 7 lavoratori, dei quali 5 non in regola con le procedure di assunzione e di verificate violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Sono state comminate sanzioni amministrative per complessivi 26mila 500 euro e ammende per globali 176mila 122 euro.

Nell’ambito dell’attività, 11 cittadini pakistani sono stati collocati in strutture protette, ai sensi dell’art. 22 D. Lgs. 286/98. Al termine delle rituali formalità, gli arrestati sono stati associati presso le case circondariali di Treviso e Venezia (una donna è stata posta agli arresti domiciliari).

Zaia: “Lo sfruttamento dei lavoratori è una piaga che va combattuta”

“I valori del lavoro e dell’imprenditorialità nel rispetto della legge sono connaturati al territorio del Veneto, ed è per questo che scoprire in laboratori di lavorazione e produzione calzaturiera, settore di eccellenza nella nostra regione, lavoratori sfruttati e sottopagati e impiegati in un ambiente lavorativo privo dei requisiti di sicurezza e igiene fa male. Per questo desidero esprimere il mio plauso ai Carabinieri e alla Procura di Treviso per l’operazione portata a termine stamattina” ha commentato Luca Zaia.

“Ringrazio le forze dell’ordine e l’Autorità giudiziaria per l’importante lavoro che compiono ogni giorno – aggiunge Zaia – Lo sfruttamento dei lavoratori, costretti talvolta in condizioni di vita e di lavoro disumane, è una piaga che va combattuta. Ora attendiamo che la giustizia faccia il suo corso”.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy