domenica, 5 Febbraio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenezianoCavarzereCona, caro energia: lampioni spenti nelle ore notturne

Cona, caro energia: lampioni spenti nelle ore notturne

Banner edizioni

Il Sindaco di Cona: “A causa del caro energia procederemo con lo spegnimento notturno dei lampioni fino a che non ci saranno notizie positive”

A Cona i lampioni vengono spenti nelle ore notturne per far fronte al caro energia. La soluzione adottata a partire dal 3 novembre dal Comune servirà per limitare i costi energetici che stanno mettendo in seria difficoltà le casse comunali. Un provvedimento a tempo, ma che non ha una scadenza, perché dipenderà dall’evolversi della situazione, come precisa il sindaco Alessandro Aggio.

“Procederemo in questo modo fino a che non ci siano notizie positive – sottolinea infatti il primo cittadino -. So che il Governo ha annunciato nuovi aiuti, ma fino a che non avremo certezze non possiamo fare altro. Siamo pronti ovviamente a tornare indietro, ma la situazione non è semplice. Lo spiego meglio: noi ad agosto abbiamo già ampiamente superato tutte le spese delle bollette dell’intero 2021. Per quanto riguarda l’energia degli stabili comunali (municipio, ufficio tecnico e scuole) da gennaio a luglio 2022 si è raggiunta la quota spesa di tutto il 2021 e l’ufficio tecnico prevede per la fine dell’anno un aumento totale del 120% rispetto al 2021. Parimenti a luglio 2022 si è raggiunto il costo del metano di tutto il 2021 e la previsione è di un aumento del 165% per la fine dell’anno”.

Ecco dunque la necessità di tagliare i costi. “Fortunatamente sin dal nostro insediamento nel 2019 abbiamo deciso di investire i fondi riservati ai Comuni dal “Decreto Crescita – efficientamento energetico” per la sostituzione delle vecchie lampade con i moderni led – aggiunge il sindaco -. Con il riparto 2022 arriveremo al 75% di sostituzione di tutti i punti luce comunali. L’obiettivo era ovviamente un risparmio significativo, ma l’aumento di questi mesi ha completamente annullato tale previsione e senza l’installazione dei led avremmo visto quasi raddoppiare anche queste bollette”.

Lo spegnimento dei lampioni con orario 01-05.30 non è l’unica iniziativa per il contenimento dei costi: “Abbiamo fatto degli incontri con le società sportive che utilizzano le palestre e abbiamo deciso di concentrare tutte le attività nella palestra delle scuole medie chiudendo quella delle elementari per l’uso pomeridiano – spiega Aggio -. Con un po’ di collaborazione e di inventiva siamo riusciti a ottimizzare i corsi in modo da rendere praticabile questa soluzione. Stiamo lavorando anche a accorpamenti per le squadre di calcio così da poter contenere l’uso delle torri faro. Inoltre abbiamo stabilito un abbassamento della temperatura per gli edifici scolastici e comunali”.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime della provincia di Venezia

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy