domenica, 5 Febbraio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomePadovanoTerme EuganeeDopo 55 anni di attività chiude l'ortofrutta di Abano Terme

Dopo 55 anni di attività chiude l’ortofrutta di Abano Terme

Banner edizioni

I titolari dell’ortofrutta di Abano Terme fanno un appello affinchè l’attività venga rilevata. Franco e Brunella: “È ora di fare i nonni a tempo pieno”

Chiude dopo ben 55 anni di attività, l’Ortofrutta Abano, uno tra i primi fruttivendoli della zona termale. Il negozio, portato avanti dalla famiglia Spolverato, è stato un punto di riferimento per il quartiere di Monteortone, ma non solo. Franco Spolverato, che ha ereditato dopo 7 anni l’attività avviata dal padre Evelino, ha chiuso i battenti ed è andato in pensione con la moglie Brunella. E almeno per il momento, nessuno è interessato a rilevare la storica attività di Abano.

“Abbiamo raggiunto l’età della pensione – annunciano Franco Spolverato e la moglie BrunellaQuesta è un’attività che va e funziona ancora alla grande. Ci spiace, ma è arrivato il momento di prendere la palla al balzo e metterci a fare i nonni. Ringraziamo i nostri affezionati clienti, molti dei quali vengono anche da fuori paese, da Padova”.

L’Ortofrutta è stato recentemente premiato dall’amministrazione comunale come una delle più longeve e riconosciuto dalla Regione Veneto come attività storica, i titolari fanno un appello perché sia rilevata: di sera può diventare un luogo dove si servono aperitivi vegani.

“Siamo cresciuti con i nostri clienti e abbiamo visto crescere il quartiere di Monteortone”, dicono ancora Franco e Brunella. “Abbiamo sempre cercato di soddisfare le esigenze dei clienti, anche in termini di flessibilità di orario. Abbiamo rifornito negli anni molti hotel, asili, scuole, gelaterie, ristoranti, pizzerie e bar”. “Negli anni il lavoro è cambiato – aggiungono – ora si richiedono più prodotti pronti e stanno prendendo piede, soprattutto negli hotel frutti esotici e prodotti particolari come foglie ostriche”.

Ora è però tempo di cambiare passo, dato che l’attività non sarà portata avanti dai figli Marco e Silvia.

“Sono già impiegati nel settore ospedaliero e quindi giustamente vanno avanti per la loro strada – dicono i genitoriStupisce invece vedere che questa attività non interessa, dato che non abbiamo ricevuto nemmeno un’offerta per rilevarla. E pensare che ci siamo rivolti anche a 4 agenzie. Evidentemente nessuno vuole fare sacrifici. Questo è un locale che può avere anche grandi potenzialità e volendo si possono fare aperitivi, come avevamo in mente noi, trasformandolo di sera in luogo per aperitivi vegetariani e vegani o in anguriara”.

Federico Franchin

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy