lunedì, 2 Ottobre 2023
 
HomeRodiginoAdriaAl via la seconda fase del progetto Polesine Sicuro

Al via la seconda fase del progetto Polesine Sicuro

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Corazzari e Marcato: “Regione investe oltre un milione di euro per rendere il Polesine un laboratorio di sicurezza e sviluppo”

E’ stato firmato giovedì 16 marzo, in Prefettura a Rovigo, il Protocollo del secondo stralcio del progetto Polesine Sicuro“Siamo arrivati oggi alla firma del secondo stralcio di questo progetto davvero innovativo che permetterà di fare del Polesine un laboratorio della sicurezza”- ha commentato dall’assessore regionale alla Sicurezza, Cristiano Corazzari: Questo sarà il primo territorio con ingressi controllati in entrata e in uscita con l’esito di creare non solo un importante effetto di deterrenza e di prevenzione, ma sarà anche un fondamentale supporto alle indagini per le forze dell’ordine e di sicurezza impegnate nella repressione dei reati”.

“Polesine Sicuro è un progetto di natura sperimentale, un unicum a livello regionale e nazionale nell’ambito delle attività di controllo del territorio, che ha unito tutti gli attori impegnati localmente a garantire la sicurezza– prosegue Corazzari – Grazie a telecamere di ultimissima generazione e a un sistema di controllo dei dati centralizzato presso la Questura di Rovigo, questa sarà la prima provincia italiana a sapere esattamente quanti e quali veicoli escono ed entrano dai principali varchi. Il nostro intento è quello di esportarlo anche nelle altre provincie del territorio”.

“Polesine Sicuro – conclude l’assessore alla Sicurezza– è un progetto finanziato dalla Regione del Veneto con 1,19 milioni di euro: un milione è stato stanziato dall’Assessorato allo sviluppo economico, per il quale ringrazio il collega Marcato, e ulteriori 190mila euro stanziati dall’Assessorato alla Sicurezza”.

“La sicurezza è uno degli elementi chiave per garantire lo sviluppo sociale ed economico di un territorio – sottolinea Roberto Marcato, assessore regionale allo sviluppo economico ed energia -. Il Polesine è un territorio che ci sta molto a cuore, sul quale abbiamo investito risorse e progetti, come quello della Zona Logistica Semplificata per cui attendiamo risposte concrete da Roma. Con questo progetto mettiamo le basi a garanzia della sicurezza di un territorio dalle alte opportunità, che la Regione intende far diventare luogo di crescita e sviluppo”.

L’accordo sottoscritto oggi coinvolge oltre alla Regione del Veneto, Prefettura, Questura e Provincia di Rovigo, i Comuni di Castelnuovo Bariano, Ficarolo, Polesella, Ariano nel Polesine, Taglio di Po, Rosolina, Adria, Pettorazza Grimani, San Martino di Venezze, Lusia, Badia Polesine, Giacciano con Baruchella, Bergantino, Melara, Villamarzana.

 
 
 

Le più lette