domenica, 3 Dicembre 2023
 
HomeBreaking NewsA Rovigo festa per i 40 anni del Battaglione Rovigo corso Piave...

A Rovigo festa per i 40 anni del Battaglione Rovigo corso Piave finanzieri

Tempo di lettura: 3 minuti circa

In più di cento persone, tra finanzieri, mogli, compagne, fidanzate e figli, si sono ritrovati oggi, in occasione del ritrovo tra gli ex allievi della Caserma Polesine.

Primo appuntamento a Rovigo, poi ad Arqua’ Polesine, in occasione del 40. anniversario dell’istituzione del corso per allievi della Guardia di Finanza nel capoluogo polesano. (Continua a leggere dopo la gallery)

“Tanta la commozione e tanta la voglia di rivedersi – ha affermato il tenente colonnello, Rosario Mazdea, comandante del gruppo di Viterbo – Dopo quarant’anni gli allievi finanzieri che nel 1983 varcarono per la prima volta il Battaglione Rovigo, corso Piave, si sono ritrovati, assieme agli istruttori”. Dopo il ritrovo, all’ex Casrema Polesine, diventata nel 1999 cittadella socio sanitaria, don Luca Busetto ha celebrato la messa, nell’aula magna, ricordando tutti i finanzieri scomparsi: Paolo Di Coenzo Calvi, Edgardo Stellin, Antonello Barletta, Raffaele Calabretti, Ugo Manca, Michelangelo Nasello, Claudio Petrini, Marco Porcu, Gaudenzio Rielli, Rosario Sepe, Giovanni Spanedda, Donato Telesca, Giovanni Vettori, Biagio Visone, Antonio Indraccolo.

Tra gli ospiti illustri: i generali Mario Marzeddu, Mauro Lolli, Antonio Monelli, il tenente Adone Tempestini. Dal Wisconsin (Usa) è giunto Giovanni Angiulli, che si è meritato il simbolico premio di finanziere giunto più da lontano. Al pranzo, svoltosi al ristorante Corte Bariani di Arqua’ Polesine, sono state distribuite le Fiamme, a ricordo dell’importante ricorrenza, a chi le aveva prenotate a suo tempo, con la scritta “1. corso Piave Rovigo. 1983-2023. 40.mo”. Sopra la torta è invece stato apposto un simbolo, recante la dicitura “Battaglione allievi finanzieri Rovigo, 40. anniversario, 1983-2023. 1. corso Piave “E multis unum”. La giornata è stata resa possibile grazie agli organizzatori Carlo Rotondo, Vittorio Canciani, Giovanni Grande e Antonio Dentuto.

Sono passati 40 anni, da quando a Rovigo veniva istituto, alla Caserma Polesine, il corso per entrare a far parte della Guardia di Finanza. Per festeggiare questa ricorrenza, è stato organizzato un raduno, al quale hanno preso parte numerosi finanzieri formatisi a Rovigo. Il programma prevedeva alle 9.45, il ritrovo alla Cittadella socio sanitaria dell’Aulss 5 Polesana, da parte del Battaglione Guardia di Finanza; alle 10.30 si è svolta la messa in ricordo di tutti i finanzieri scomparsi; alle 11.30 spazio alla foto di gruppo, sulla scalinata dell’ex Caserma Polesine. I partecipanti alle 12 si sono quindi spostati ad Arqua’ Polesine, dove era previsto un incontro conviviale, al ristorante Corte Bariani. “La data scelta per la rimpatriata è quella di sabato 15 aprile -, raccontano gli organizzatori – Erano presenti colleghi in servizio e in pensione, ufficiali e sottoufficiali dell’epoca, nonché personale permanente del Battaglione di Rovigo. E’ stato consegnato un oggetto speciale, a ricordo di questa importante giornata”.

La Caserma Polesine era ospitata in un edificio di 86mila metri quadrati, suddiviso in tre blocchi, di cinque piani l’uno. Ogni anno a Rovigo arrivavano duecento giovani, da tutta Italia. Ragazzi che vivevano appieno la città, uscivano, soggiornavano, e dopo il corso, finivano per stabilirsi qui, sposando qualche polesana. La ex scuola di formazione della Guardia di Finanza era stata aperta nel lontano 1983. Quarant’anni fa, la Finanza rilevò il grande complesso di viale Tre Martiri, pagando un cospicuo affitto alla Diocesi, dove oggi ha casa l’AUlss 5 Polesana.

A costruire la cittadella, fu nel 1963, la Diocesi di Adria-Rovigo, guidata allora dal vescovo Guido Maria Mazzocco. Gli ambienti erano pensati per ospitare 300 seminaristi. Ci fu quindi la crisi delle vocazioni, e la Finanza si interessò all’area, fino al punto di rilevarla. Del grande complesso ne fece la propria scuola allievi, di rilevanza nazionale. Rovigo era diventato uno dei pochi centri di formazione. Il corso durava da aprile a dicembre. Il primo corso di formazione iniziò nel 1983, mentre l’ultimo fu nel 1998. Tra il 1998 e il 1999 avvenne quindi il nuovo passaggio di testimone, con l’arrivo dell’Ulss.

Ruggero Principe

 

 
 
 

Le più lette