mercoledì, 29 Novembre 2023
 
HomeVicentinoVicenzaVicenza, medici ai Ferrovieri: "Non c'era nè il progetto per la sede...

Vicenza, medici ai Ferrovieri: “Non c’era nè il progetto per la sede nè i soldi. Ma abbiamo sistemato”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Sindaco e assessore spiegano che hanno trovato un “buco”: tre mesi di lavoro e i medici avranno la sede

L’assessore ai Lavori Pubblici Cristiano Spiller

“Non abbiamo trovato né il progetto di manutenzione straordinaria, né i fondi per fare i lavori, né indirizzi per gli uffici tecnici comunali. Improbabile, quindi, che la questione si potesse risolvere in una manciata di giorni. Ora che abbiamo rimesso in ordine le cose contiamo che l’iter per la realizzazione degli interventi proceda spedito”.

Sulla vicenda degli ambulatori di via Fincato, ai Ferrovieri – dice una nota del Comune – sono intervenuti il sindaco Giacomo Possamai e l’assessore ai lavori pubblici Cristiano Spiller che hanno precisato, in risposta all’accusa delle minoranze di non aver dato immediatamente corso all’intervento: “Su nostro input Amcps, che aveva interloquito con l’amministrazione precedente ma non con la struttura comunale, ha aggiornato e formalizzato il preventivo per un valore di 71 mila euro, cifra che sarà necessario finanziare in sede di assestamento di bilancio. Soltanto così l’azienda può redigere il progetto esecutivo indispensabile per dare corso alle opere richieste”.

I lavori prevedono la riqualificazione generale della sala d’attesa, dell’ufficio amministrativo, nuovi servizi igienici riservati al pubblico, compreso quello per le persone con disabilità, i servizi igienici per il personale con il nuovo spogliatoio, l’impianto di videosorveglianza, l’impianto di riscaldamento e raffrescamento, una nuova bussola d’ingresso, gli infissi. Si stimano tre mesi di lavori.

“La sistemazione degli ambulatori – ha concluso il sindaco – permetterà di avere spazi rinnovati e più funzionali per l’esercizio del servizio medico, ma questo non sarà sufficiente a risolvere il problema della mancanza dei medici. Per questo continueremo a dialogare con l’Ulss 8 Berica perché individui, attraverso l’ufficio convenzioni, i medici necessari alla copertura del servizio che riteniamo fondamentale per i cittadini della zona.

 

 
 
 

Le più lette