mercoledì, 4 Ottobre 2023
 
HomePadovanoBassa PadovanaAdesione al Mab, si accende la polemica a Monselice

Adesione al Mab, si accende la polemica a Monselice

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Con la tappa conclusiva del percorso di candidatura a Mab Unesco arrivano anche le critiche. A sollevarle Francesco Miazzi di Monselice Ambiente e Società

“Se qualcuno pensa di giocare la carta Mab Unesco per nascondere o glissare su certi temi, sbaglia di grosso”: con queste parole il consigliere Francesco Miazzi si è espresso sull’adesione definitiva di Monselice alla candidatura a Riserva della Biosfera. L’ultima tappa del percorso iniziato anni fa da ente Parco Colli e comuni coinvolti per entrare nella rete Mab Unesco, ha visto il consiglio comunale monselicense protagonista nell’approvazione del dossier definitivo.

In questa occasione il consigliere di Monselice Ambiente e Società si è dimostrato perplesso circa tutta la serie di criticità, a suo parere, lasciate in sospeso nel corso degli anni proprio dal Parco Colli: “la presenza di un cementificio altamente inquinante, la grandi cementificazioni, la privatizzazione di intere aree come il Monte Ricco, l’assenza di protagonismo sulle vicende del Monte Venda e del Colle della Rocca” ha sottolineato Miazzi.

Dito puntato, quindi, sull’ente Parco Colli e sulla gestione di questioni che lo riguardano da vicino e che riguardano anche Monselice. “La risoluzione e non l’occultamento di queste criticità sta alla base del percorso di riconoscimento di Riserva della Biosfera. Non siamo pregiudizialmente contro, ma non sposiamo nulla a scatola chiusa” ha voluto precisare il consigliere di minoranza “e non ci faremo trascinare in questa enfasi che sembra al momento solo utile ad alzare una cortina fumogena sulle inadempienze decennali di un Ente così importante e strategico per il futuro del nostro territorio”. (m.t.)

 
 
 

Le più lette