martedì, 21 Maggio 2024
HomeTurismo & SaporiPerle alpine d’Austria: da Werfenweng al Weissensee, natura a “trazione green”

Perle alpine d’Austria: da Werfenweng al Weissensee, natura a “trazione green”

Tempo di lettura: 4 minuti circa

La località del Salisburghese propone tanti percorsi a tema su vari tipi di mezzi elettrici, mentre il lago della Carinzia, reso famoso da un film di 007, seduce con il bianco caraibico delle sue acque che d’inverno diventano la più estesa pista di pattinaggio al mondo

Spegnere il motore: soltanto mobilità dolce. Senza compromessi. Ovvero spostamenti davvero “green”, con tanti tipi di mezzi elettrici, impianti a fune, percorsi per bici ed e-bike, shuttle per chi arriva in treno e centro completamente pedonalizzato. Tutto ciò, mentre il cielo diventa una lavagna per le evoluzioni colorate dei parapendii. Werfenweng, piccolo villaggio del Salisburghese, famoso per la sua splendida fortezza medievale, la Hohenwerfen dell’XI secolo, abbarbicata su una rupe e teatro di tante vicende storiche (compresa una rivolta dei contadini ante litteram, avvenuta nel 1526-27), ha sposato in pieno la filosofia dell’associazione “Alpine Pearls” di cui fa parte, proponendosi come un modello di sostenibilità. Pur essendo circondato da alte vette – da una parte le Alpi di Berchtesgaden, nella vicina Germania, e i monti di Tennen – Werfenweng è un tutt’uno con le sue montagne, grazie a un reticolo di impianti a fune che permettono di raggiungere rifugi e baite, boschi e pianori. Permettono persino di andare a cena la sera in quota, salendo sulla Bahndorf. Salendo sull’Ikarus ci si può librare con il parapendio. D’inverno questa rete di impianti è la spina dorsale di un vasto comprensorio sciistico. Anche il nuovissimo hotel-resort Travel Charme, realizzato in centro, è un bell’esempio di architettura contemporanea bene integrata nell’ambiente, per design e contenuti.

A Werfenweng, che si trova a 40 km da Salisburgo, tutto questo ha potuto realizzarsi grazie a scelte importanti che tutta la comunità ha condiviso. Scelte che oggi garantiscono una qualità della vita alta. Anche agli ospiti. Werfenweng ha tanto da offrire in termini di natura. Prendiamo i sentieri per il trekking, protesi a far scoprire la maestosità dell’intorno. Per i bambini c’è un parco avventura nel bosco e anche un percorso con gli alpaca. Curiose, fra i mezzi elettrici, le bighe monoposto rosse: buffe, comode e sicure.

Nella fortezza la parte finale è dedicata all’arte della falconeria, con i voli liberi dei falchi che sullo sfondo del castello evocano vicende di fiaba. Imperdibile poi la visita al Museo dello Sci, che racconta in modo originale i settemila anni di questo mezzo per sfidare la neve e che ripercorre la formidabile carriera di Anne Marie Pröll, vincitrice di 5 Coppe del mondo e di un titolo olimpico a Lake Placid nel 1980. La gastronomia offre tanti prodotti di malga: dagli speck ai formaggi, oltre alle buonissime wienerschnitzel.

Di “perla” in “perla”, ed eccoci sul Weissensee, in Carinzia. Sembra di stare ai Caraibi, per via di quelle spiagge bianche di calcare che specchiano rive magnificate da boschi senza macchia. Acque che d’inverno si concedono al re ghiaccio e diventano la superficie pattinabile più estesa d’Europa. Al punto che gli olandesi ci hanno portato la loro celebre maratona sui pattini, la “Alternative Holländische – 11 Städt”, diventata l’evento dell’anno.

Un luogo di grande bellezza il Weissensee, che ha scelto un fiero isolamento per difendere la propria identità. Nel senso che i 750 abitanti del posto non hanno avuto esitazioni quando è stato il momento di dire no alla costruzione di una grande strada o di approvare la scelta della municipalità di non prevedere nuove aree residenziali. Sono rimasti sì e no una ventina di lotti edificabili, i cui proprietari non li venderanno mai. 35 anni fa l’agricoltura è diventata esclusivamente biologica, zero chimica. Qui la natura impone i suoi ritmi lenti. Sul lago si naviga con barche a motore ibrido, gli scafi dei battelli solcano silenziosi i 12 km del lago (largo 940 metri e profondo, al centro, 99 metri). Un habitat straordinario per una ricca varietà di pesci: una trota ha raggiunto i 22 chili.

Lo “slow trail” è il filo d’Arianna per godere appieno di questo paradiso naturalistico.  Chi vuole accorciare il percorso a piedi, può prendere il battello sul Weissensee o l’impianto di risalita fino al Naggler Alm, punto di partenza per tanti percorsi di trekking.

Con 160 chilometri di piste, è il paradiso della mountain bike, ma il lago è adatto a comode pedalate in e-bike, noleggiabili sul posto. Il Weissensee, insieme con la regione Nassfeld-Pressegger See e Lesachtal forma il Bike World, con ben 950 chilometri di piste ciclabili per Mtb.

E in acqua? Dalla vela al surf, dallo sci d’acqua al wakeboard, e poi kajak, barche a remi, elettriche e pedalò. Il lago è anche il regno dei pescatori, senza confini territoriali fino al 20 novembre. Chi ama la terraferma, può correre scegliendo fra 12 diversi percorsi, muoversi a cavallo o tuffarsi in un tempo che fu con una gita in carrozza.

La gastronomia della zona offre molto, a partire dai pesci del lago, preparati secondo la tradizione e abbinabili ai celebrati vini austriaci. Una cucina che , tuttavia, rivela anche tratti mediterranei.

Le più lette