sabato, 25 Maggio 2024
HomeAppuntamentiA Venezia si alza il sipario sulla prima edizione del Salone dell’Alto...

A Venezia si alza il sipario sulla prima edizione del Salone dell’Alto Artigianato Italiano

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Apre i battenti giovedì 28 settembre il primo Salone dell’Alto Artigianato Italiano a Venezia.

Fino a domenica 1 ottobre, l’Arsenale di Venezia, testimone di un’epoca in cui l’arte e la maestria delle maestranze veneziane riuscirono a portare ai massimi livelli l’arte della costruzione navale e della produzione bellica, si trasforma in una vera e propria vetrina dell’eccellenza artigiana italiana.

In mostra tessuti pregiati e lavori in ceramica e marmo, gioielleria, vetro soffiato e mobili di design che da sempre sono sinonimo di made in Italy. Non mancheranno nemmeno i maestri del merletto di Burano e Pellestrina, l’alta sartoria dei costumi tradizionali del Carnevale di Venezia e tanto altro.

Le Tese e Le Nappe ospiteranno l’esposizione di una vasta gamma di merci in grado di spaziare dalla tradizione al contemporaneo, dando vita a un’esposizione plurisensoriale e creativa, un vero e proprio spaccato della ricchezza culturale e artistica del paese. Insomma, un luogo di ispirazione e scoperta per gli appassionati dell’artigianato italiano.

(Prosegue dopo la gallery…)

L’artigianato italiano in mostra a Venezia

Gioielli e accessori
Dai gioielli tradizionali a quelli ricamati con fili d’oro, dalle tecniche di produzione a cera persa all’incastonatura di pietre preziose: gli accessori e i gioielli esposti saranno un inno all’eleganza e all’originalità.

Scultura e opere artistiche
Le sculture e le opere artistiche presenti al Salone rifletteranno l’abilità degli artigiani nel lavorare il legno con strumenti quali il tornio, ma anche la terracotta e i metalli; materiali che si trasformano in opere d’arte che emozionano e ispirano.

Arredo e complementi d’arredo
Le creazioni di arredo, i complementi d’arredo in legno e i materiali innovativi con lavorazione artigianale saranno un connubio di tradizione e innovazione e troveranno spazio accanto alle ceramiche artistiche, con le loro forme irregolari e i loro colori vivaci.

Rilegatura e lavorazione della carta
I maestri della rilegatura e della lavorazione della carta saranno al Salone con libri e manufatti unici, ma anche nuove creazioni di oggetti che prenderanno vita attraverso lavorazioni innovative, a testimonianza dell’amore e dell’esperienza italiana nella lavorazione cartacea.

Illuminazione e lavorazione dei metalli
Il settore dell’illuminazione, come aspetto essenziale dell’arredamento di una casa, sarà presente alla prima edizione del Salone con lampade e oggetti luminosi, creati con maestria dalla lavorazione dei materiali quali metalli e terracotta. Ma spiccheranno anche oggetti d’arredo realizzati attraverso lavorazioni particolari e innovative nell’uso dei metalli.

Lavorazione del marmo e delle pietre
La lavorazione delle pietre e del marmo sarà in mostra all’Arsenale e darà vita a emozionanti creazioni per il design di interni, la pavimentazione artistica e l’arredo della casa.

Lavorazione del vetro
Gli artigiani del vetro artistico presenteranno le proprie opere d’arte realizzate con le tecniche che si sono sviluppate nel corso dei secoli. Dal famoso vetro soffiato al vetro lavorato a lume: ogni pezzo è un’opera d’arte unica, plasmata a mano con maestria e passione, per dare forma a vasi, lampadari, vetrate artistiche piombate, oggetti decorativi e gioielli.

Merletti, tessitura
In mostra i maestri del merletto di Burano e Pellestrina insieme alle creazioni di tessuti pregiati per l’arredamento e per l’alta moda, prodotti frutto dell’abilità artigianale che racconteranno storie di tradizione ma anche di contemporaneità grazie all’uso di materiali innovativi.

Restauro artistico e conservativo
Gli esperti nel restauro artistico e conservativo dimostreranno come l’arte possa essere preservata e tramandata nei secoli attraverso la tecnica e tecnologia.

Rivestimenti artistici
All’Arsenale spazio ai rivestimenti decorativi del design d’interni, con l’utilizzo di carta da parati dipinta a mano, tessuti pregiati, marmi, legno e ceramiche.

Alta Sartoria
L’eccellenza della sartoria su misura tradizionale italiana, ma anche l’innovazione contemporanea nell’upcycling di recupero e reinterpretazione di capi vintage nel segno della sostenibilità. A fianco, non potrà mancare l’alta sartoria dei costumi tradizionali del Carnevale di Venezia.

Luiteria
La produzione in legno pregiato di strumenti musicali a corda attraverso le tecniche tramandate da intere generazioni, la scelta dei pezzi di legno, sagomati e assemblati a mano per garantire la giusta risposta acustica: all’Arsenale risuoneranno la musica e la passione che i liutai mettono ogni giorno nella lavorazione del legno e nella creazione di strumenti musicali impeccabili.

Lavorazione della Cartapesta
L’antica lavorazione della cartapesta, iniziata dai maestri Mascareri oltre 500 anni fa, trova spazio all’Arsenale grazie alle mani esperte degli artigiani veneziani. In mostra le maschere realizzate con materiali considerati poveri – carta e colla – la cui lavorazione è però molto lunga e complessa. Il risultato sono pezzi unici, ciascuno un’opera d’arte.

Brugnaro: “Questo Salone vuole difendere ed esaltare l’eccellente lavoro dei nostri artigiani”.

“Venezia, con il Salone dell’Alto Artigianato Italiano, celebra l’eccellenza italiana e la maestria di tantissimi italiani che attraverso le loro mani e le loro creazioni danno lustro all’Italia e al Made in Italy nel mondo – commenta il sindaco Luigi Brugnaro – . La città spalanca così le sue braccia ed è pronta ad accogliere non solo gli espositori ma anche tutti i visitatori che vorranno venire a dare, con la loro sola presenza, sostegno a questo Salone che vuole difendere ed esaltare l’eccellente lavoro dei nostri artigiani”.

Il biglietto intero ha un costo di 15 euro e si può acquistare sul sito saloneartigianato.venezia.it; sono previste riduzioni per bambini, famiglie e non solo.