sabato, 25 Maggio 2024
HomeVenezianoMiranese Sud“City Branding” per promuovere Mirano nel mondo

“City Branding” per promuovere Mirano nel mondo

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il Comune di Mirano si è affidato ai giovanissimi studenti di Comunicazione dell’ Università Iusve che hanno realizzato i loro progetti grafici e di marketing

Mirano punta a promuoversi in Italia e all’estero lanciando un progetto di “City Branding” per rendersi sempre più attrattiva agli occhi dei visitatori e inserirsi maggiormente nei circuiti turistici. Per farlo l’amministrazione comunale si è affidata agli studenti di Comunicazione dell’ Università Iusve (Istituto Universitario Salesiano Venezia) di Mestre che si sono divisi in gruppi e in soli cinque giorni hanno realizzato i loro progetti grafici e di marketing coordinati dalla loro docente Chiara Grandesso.

La “City Branding” è una strategia di comunicazione che consiste nella definizione dell’identità di una città e nel suo racconto all’esterno, in un’ottica di promozione. L’azione principale è la costruzione di un’immagine riconoscibile della città, che ne riassuma l’identità, i valori, il patrimonio culturale, paesaggistico ed economico. Un’immagine da trasmettere, con coerenza visiva e comunicativa, a livello locale, nazionale e internazionale ai diversi pubblici di riferimento. Suddivisi in quattordici gruppi, gli studenti hanno elaborato una trentina di proposte tra le quali sono stati selezionati i cinque progetti grafici più interessanti.

I risultati sono stati presentati lo scorso fine giugno in sala consiliare presso Villa Errera introdotti dai ringraziamenti del sindaco Tiziano Baggio, dell’assessore all’attrattività Francesco Venturini e sotto l’occhio vigile di artisti e designer di fama come Tobia Ravà, Giorgio Cavazzano, Piero Massaro ed Enrico Zara. “Siamo ambiziosi – ha ricordato il primo cittadino – puntiamo a promuovere Mirano nel mondo, ho visto tutti i lavori, speriamo che uno di questi possa essere utilizzato”.

“Puntiamo a rendere Mirano ancora più attrattiva – ha continuato Venturini -. Attraverso la comunicazione possiamo esprimerci meglio e perciò abbiamo coinvolto lo Iusve, ateneo molto avanti in questo”.

Due proposte per il primo gruppo, una con slogan “Prossima fermata Mirano”, viaggio tra natura e arte, l’altra invece “Mirano ammira oltre” perché Mirano intende volgere lo sguardo al futuro. Anche il secondo gruppo ha proposto due opzioni, #Miranoin con l’hashtag che ricorda il graticolato romano. L’altra, “Mirano mirabilia” ricordando quello che era la città ai tempi dei romani, un osservatorio allora e adesso finestra sul mondo. Il terzo ha lanciato un messaggio di completezza individuando quattro categorie, tradizione, natura, comunità e architettura. Il quarto ha proposto un suggestivo video sulla città e un logo che racchiude tutte le anime di Mirano, dalla ville, alla natura ai portici. L’ultimo ha lanciato lo slogan “Incrociamoci”, che richiama sempre il graticolato, lo stemma della città e la sua posizione strategica tra Venezia, Padova, Treviso e Vicenza. Come loghi degli asterischi, simboli di incontro e inclusività e di qualcosa in sospeso ancora da raccontare. Tutte le proposte sono state apprezzate dagli esperti e dal pubblico. Il sindaco ha premiato poi tutti i ragazzi con degli attestati.

Riccardo Musacco