sabato, 25 Maggio 2024
HomeRodiginoAdriaControlli Nas nel rodigino: multe per 82mila euro e sei attività sospese

Controlli Nas nel rodigino: multe per 82mila euro e sei attività sospese

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il Nas, nel corso dei controlli nel rodigino, ha disposto anche 16 denunce e 25 sequestri amministrativi e sospensioni di immobili

L’estate sta finendo e dal NAS (Nucleo Antisofisticazioni e Sanità) di Padova, che ha competenza anche sul polesine, arriva il bilancio di controlli e ispezioni eseguiti nella provincia di Rovigo nei vari ambiti di specialità: alimentari, sanitari, farmaceutici, veterinari, ecc, finalizzati a tutelare la salute dei cittadini.

Tutte le attività del N.A.S.

Le attività, sempre svolte con l’ausilio delle Stazioni Carabinieri del Comando Provinciale di Rovigo, sono state condotte sia con campagne disposte dal Ministero della Salute sia con ispezione e controlli attuati d’iniziativa, su input dell’Arma territoriale ovvero segnalazione dei cittadini, ed hanno riguardato:“Estate tranquilla” con controllo stabilimenti e centri benessere – piscine – alberghi – eventi locali temporanei ambito ristorazione; verifiche RSA finalizzata alla tutela degli anziani; assenteismo del personale sanitario; controllo farmacie, cosmetici, ambulatori e presidi socio sanitari; controllo fitosanitari; controllo medici di famiglia; ambito veterinario: controllo macelli, alimenti e latticini – animali d’affezione e da reddito; mense scolastichee ospedaliere; ristorazione bar – ristoranti – agriturismi – attività commerciali di vendita di carni alimenti in genere; controllo liste di attesa strutture pubbliche e private convenzionate.

Il bilancio dei controlli

Riepilogando i dati dell’intero periodo in esame, tali attività hanno portato:

  • 242 ispezioni e controlli;
  • 59 infrazioni amministrative rilevate, con elevate sanzioni per la somma complessiva di euro 82.000,00 (ottantaduemila);
  • 25 sequestri amministrativi e sospensioni di immobili e strutture non conformi per un valore di euro 1.150.000,00 (un milionecentocinquemila);
  • 6 sospensioni di attività per carenze igienico sanitarie;
  • 16 denunce all’Autorità Giudiziaria per varie tipologie di reato: frode in commercio – esercizio abusivo della professione sanitaria – alterazione di cibi avariati – mancate ottemperanze sulla sicurezza del lavoro e antincendio – uso e detenzione di sostanze dopanti – mancata registrazione e tenuta farmaci psicotropi.