sabato, 18 Maggio 2024
HomePadovanoBassa PadovanaEste, preoccupazione per il commercio e i pubblici esercizi: Gallana chiede maggiore...

Este, preoccupazione per il commercio e i pubblici esercizi: Gallana chiede maggiore attenzione

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Secondo la consigliera di opposizione la “mazzata finale al commercio atestino” arriva con l’eliminazione del 150 parcheggi dal Vallo del Castello

“Molti negozi, ristoranti e bar sono in difficoltà e l’amministrazione non ha aiutato e favorito le piccole attività economiche e di quartiere”, questa la chiosa della consigliera di opposizione di Este Roberta Gallana verso i due anni di amministrazione del primo cittadino Matteo Pajola. “Queste attività sono la spina dorsale per molte famiglie e sono preziose per l’attrattività della città. Il sindaco non ha pensato ad una riduzione della tassa sul plateatico o sulla pubblicità o ancora ad uno spostamento della Tari e non ha favorito ed incentivato il progetto sul microcredito”.

Secondo la consigliera la “mazzata finale al commercio atestino” arriva con l’eliminazione del 150 parcheggi dal Vallo del Castello. “Siamo d’accordo che il Vallo vada riqualificato, ma, prima di togliere i parcheggi dal centro storico, si doveva avere una alternativa. Nella mia precedente amministrazione avevamo programmato molti spazi sostitutivi e le procedure di accordi con privati ed istituzioni erano a buon punto. Ma purtroppo si è perso tutto”.

La consigliera spiega che era già iniziata la riqualificazione dei parcheggi in zona Salute – Olmo: “I lavori sono da completare e questi nuovi posti hanno altre funzioni e non sostituiscono tutti quelli che si perderanno sotto il Castello. Il centro storico perde 150 parcheggi senza una alternativa – continua Gallana -. Siamo molto preoccupati perché i parcheggi in città sono già tutti al completo, soprattutto durante il periodo scolastico e già oggi si comprende come sia difficile trovare un posto auto. Inoltre, a breve, dopo anni di restauro, sarà inaugurata la nuova sede dell’Agenzia delle Entrate, che tornerà in pieno centro storico e anche per questo serviranno nuovi parcheggi”.

La consigliera sottolinea come le microimprese del commercio, i ristoranti e i pubblici esercizi stanno vivendo un periodo sempre più austero: “Il problema è evidente e sotto gli occhi di tutti, tranne che dell’amministrazione: l’immagine di Este è quella di una città semideserta, con negozi chiusi o in vendita e questa è ormai una realtà che preoccupa tutti. L’aumento del caro vita ha generato un calo evidente dei consumi, che preoccupa famiglie e negozianti e di fatto ha generato uno “svuotamento“ della città”.

Nell’ultimo anno infatti hanno chiuso molti negozi e bar. “I commercianti sono in difficoltà con i pagamenti degli affitti e dei dipendenti. L’amministrazione di Pajola non opera rispettando le priorità. Sta spendendo in due anni, solo per il Castello, quasi un milione di euro, lasciando conseguentemente in evidente stato di degrado molte strade e marciapiedi. E poi, si tolgono 150 parcheggi senza un’alternativa. Queste scelte faranno impoverire la città”, conclude Gallana.

Giada Zandonà