sabato, 9 Dicembre 2023
 
HomeCronacaGiorgio De Nardi presenta il bilancio di Aton:"Vogliamo essere i migliori in...

Giorgio De Nardi presenta il bilancio di Aton:”Vogliamo essere i migliori in Italia”

Tempo di lettura: 5 minuti circa

Giorgio De Nardi, ex candidato sindaco di Treviso, ha presentato ieri nella sede di Villorba, il bilancio della sua azienda, Aton, una delle poche certificate B-corp in Italia.

Sostenibilità e digitale come strumenti per creare valore a livello sociale, ambientale ed economico: queste le fondamenta della vision di Aton, azienda innovativa in Italia nel settore digitale-informatico, che nella giornata di oggi ha presentato presso la sua sede il secondo Report di Valutazione di Impatto, pensato per raccontare le azioni intraprese e i risultati raggiunti in campo People, Planet e Prosperity.

Fondata nel 1988 da Giorgio De Nardi, Aton – che supporta aziende e grandi gruppi nel loro processo di trasformazione digitale – ha da tempo intrapreso un percorso virtuoso in ambito ESG, che l’ha portata nel 2021 a diventare Società Benefit, e a essere certificata a livello internazionale come B Corp nel 2023, entrando così a far parte della Community di imprese – poco più di 200 in Italia – che si impegnano nel miglioramento continuo per trasformare il sistema economico globale.

«Da sempre in Aton la sostenibilità a tutto tondo viene considerata il vero motore di sviluppo per un’azienda: al centro delle strategie di business di un’impresa oggi va messa la crescita umana, professionale e relazionale delle persone, che impatta in maniera diretta – anche attraverso l’uso smart del digitale che proponiamo – sulla società, sull’ambiente e sulla produttività economica» commenta il Presidente di Aton, Giorgio De Nardi.

«Per primi già negli anni ‘80 ci siamo posti l’obiettivo di essere un’eccellenza nella responsabilità sociale d’impresa: anno dopo anno è cresciuto il nostro impegno nel garantire opportunità di lavoro di qualità sul territorio, così da valorizzare le potenzialità dei giovani e attrarre e fidelizzare i talenti che troppo spesso scelgono di andare altrove, impoverendo di competenze il Nordest» aggiunge Tania Zanatta, CFO di Aton e Responsabile di Impatto.

Nel 2022, Aton ha assunto 44 persone, con un incremento di oltre il 50% rispetto agli ingressi dell’anno precedente. Nei primi 9 mesi del 2023 le new entry sono già 33. Oggi gli oltre 200 collaboratori (atonpeople) sono liberi di organizzare in autonomia le loro attività, coniugando esigenze personali e familiari con il proprio ruolo nel team, gli obiettivi comuni e i risultati da conseguire per il bene collettivo.

Dal 2018 Aton è certificata Great Place To Work come ambiente di lavoro di qualità.
Aton è un’azienda innovativa nel settore digitale-informatico, con oltre 200 persone impegnate nello sviluppo di soluzioni e servizi per la trasformazione digitale sostenibile delle vendite omnichannel e dei processi di tracciabilità e supply chain aziendale. Fin dalla nascita, nel 1988, la sua missione è crescere insieme all’ecosistema di collaboratori, clienti, partner, ambiente e comunità, realizzando profitti crescenti, etici e sostenibili. Per questo nel 2021 è diventata Società Benefit e ha integrato nel proprio Statuto, obiettivi sociali (People), ambientali (Planet) oltre che economici (Prosperity). Nel 2023 è entrata a far parte della Community delle aziende B Corp che si impegnano in un percorso di miglioramento continuo per trasformare il sistema economico globale.

I FOCUS DEL REPORT DI VALUTAZIONE DI IMPATTO 2022
Obiettivo di questo Report di Valutazione di Impatto è raccontare il modo di fare impresa di Aton, analizzando le azioni realizzate, facendo un bilancio dei risultati ottenuti e descrivendo gli obiettivi a breve e medio termine definiti insieme per contribuire allo sviluppo sostenibile.
Per rendicontare gli effetti delle azioni nelle aree della governance, dei lavoratori, della comunità, dei clienti e dell’ambiente, è stato adottato lo standard internazionale Benefit Impact Assessment (BIA), sviluppato dall’ente non-profit B Lab.
Questo report è stato ideato e creato in Aton coinvolgendo team diversi nella progettazione grafica, nell’analisi dei dati e delle tendenze di crescita, fino alla stesura dei testi.

Crescita delle persone
La crescita delle persone è l’impegno più importante misurato nel Report: il focus di quest’anno è stata la definizione di un progetto evolutivo personalizzato per ogni collaboratore, insieme alla diffusione del modello auto-organizzativo fondato sull’assunzione di responsabilità, con una particolare attenzione alla formazione dei team leader e allo sviluppo continuo delle competenze. Nel 2022 le ore medie di formazione sono aumentate del 55% rispetto al 2021, per un totale di 12.000 ore suddivise in aula e intra-team per la diffusione del know how aziendale.

I risultati medi ottenuti nei colloqui di soddisfazione con i collaboratori sono superiori a 4 (in una scala che va da 1 a 5) nei diversi ambiti presi in esame.

Innovazione digitale sostenibile
Per Aton fare innovazione digitale sostenibile significa progettare soluzioni software e servizi tenendo conto, fin dall’origine, dell’impatto sociale e ambientale generato, con l’obiettivo di aiutare i clienti a ridurre le inefficienze e gli sprechi. Un esempio sono le soluzioni di vendita paperless che rendono digitale il processo di creazione, invio e ricerca dei documenti di vendita e consegna, riducendo il consumo di carta di oltre il 66%. La diffusione della cultura della sostenibilità, la maturità del mercato e le nuove normative hanno permesso ad Aton, nel 2022, di porre le basi per una soluzione paperless 3.0 che consentirà in futuro la dematerializzazione totale dei documenti eliminando del tutto le stampe.

L’attenzione all’impatto sociale e ambientale ha guidato anche l’evoluzione organizzativa di Aton che ha riunito i team di assistenza hardware e software nel servizio integrato di Business Continuity. Questa squadra, formata da 100 professionisti anche multiligua, si affianca agli utenti per aiutarli a gestire le situazioni di stress e ansia generate dall’utilizzo dei dispositivi IT, facendosi carico delle criticità fino alla loro completa risoluzione e contribuendo così ad aumentare la qualità del loro lavoro quotidiano.
Con le attività di assistenza tecnica hardware e software, Aton contribuisce inoltre all’allungamento del ciclo di vita di un parco di oltre 13.000 dispositivi in un’ottica di economia circolare, riducendo la quantità di rifiuti tecnologici.
Alcuni esempi concreti di collaborazione con clienti e partner che condividono con Aton l’impegno sui temi della sostenibilità sono testimoniati da queste storie di impatto: Unicomm, Gruppo Poli, Aspiag, Faster.

Lavoro di qualità nel territorio
Per contribuire a diffondere la cultura dell’innovazione digitale sostenibile Aton ha partecipato a 20 eventi di networking, round table, workshop, ha portato la propria testimonianza di azienda nei Career Day, direttamente nelle scuole e Università e aprendo le porte a studenti e giovani con iniziative di orientamento e presentazione delle professioni del futuro.
Nel 2022, Aton ha assunto 44 persone, con un incremento di oltre il 50% rispetto agli ingressi dell’anno precedente, registrando un aumento del 17% delle assunzioni post stage rispetto al 2021.

Uno sguardo al futuro
Il Report si chiude guardando al futuro con gli obiettivi per il prossimo triennio che sono stati pensati in ottica di miglioramento continuo e declinati nelle 3P, People, Planet, Prosperity.

Alcuni di questi sono e rimarranno costanti nel tempo, altri sono stati riformulati insieme seguendo l’approccio OKR (Objective and Key Results). Ogni team ha contribuito alla loro definizione e sono stati successivamente condivisi in modo trasversale a tutta Aton attraverso i vari Team Leader nell’ottica della leadership diffusa e del modello auto-organizzativo

Elena Dal Forno

 
 
 

Le più lette