sabato, 25 Maggio 2024
HomeCronacaLegname non tracciato o registrato, tredici attività sanzionate a Treviso

Legname non tracciato o registrato, tredici attività sanzionate a Treviso

Tempo di lettura: < 1 minuti circa

Ben tredici attività della provincia di Treviso, specializzate nel commercio del legno, sono state sanzionate con multe per alcune migliaia di euro al termine dei controlli svolti dal gruppo dei carabinieri forestali di Treviso che ha portato a termine la campagna sul rispetto dei regolamenti europei in materia.

I militari si sono focalizzati su attività, imprese e società che vendono legno e altri derivati, per accertare l’attuazione dei regolamenti Flegt (forest law enforcement, governance and trade) ed Eutr (european union timber regulation), di cui si è dotata l’unione europea per contrastare il commercio di legname di provenienza illegale.

Cosa prescrive la norma dell’UE

Il regolamento Eutr obbliga gli operatori, cioè coloro che immettono per la prima volta sul mercato ue legno o prodotti derivati, ad adottare misure per verificarne la legalità della provenienza. La normativa obbliga i commercianti, cioè coloro che acquistano o vendono legno o prodotti derivati già immessi sul mercato interno, a garantire la tracciabilità dei prodotti, attraverso la tenuta di un registro, sul quale bisogna annotare i nominativi e gli indirizzi dei venditori e degli acquirenti, completi delle relative indicazioni qualitative e quantitative delle singole forniture.

Le multe 

Durante l’attività operativa sono state controllate 34 ditte dedite al commercio di legname, identificate 41 persone ed elevate, come detto, 13 sanzioni amministrative, per un valore totale di qualche migliaia di euro, a tutela della regolare tracciabilitá e della legale commercializzazione di legno e prodotti derivati.

Le più lette