martedì, 28 Novembre 2023
 
HomeAppuntamentiTeatrino Groggia di Venezia: al via “A Pesca di sogni 23-34”, la...

Teatrino Groggia di Venezia: al via “A Pesca di sogni 23-34”, la terza stagione dedicata ai più piccoli

Tempo di lettura: 6 minuti circa

Dal 15 ottobre al 17 marzo al Teatrino Groggia di Venezia, 8 spettacoli e 11 repliche di teatro per le famiglie, 3 laboratori per diverse fasce d’età e 5 appuntamenti per le scuole

“Il Teatrino Groggia, continua ad essere luogo centrale per i bambini e le famiglie della città, ed è pronto a ripartire con tante proposte per fare nuove esperienze e vivere l’avventura del Teatro – annuncia il sindaco Luigi BrugnaroLa rassegna “A pesca di sogni” propone quest’anno sette mesi di programmazione, da ottobre ad aprile, per un totale di 20 appuntamenti e 13 titoli. Il programma per le famiglie è suddiviso in sezioni che tengono conto delle fasce d’età: “domeniche da favola”, dedicata ai bambini dai 3 anni in su, “prime esperienze teatrali” pensata per i più piccoli, da 1 a 5 anni, e “prime pratiche teatrali”, una proposta di laboratori brevi differenziati per età. Un servizio a favore delle famiglie del nostro territorio”.

È confermato anche quest’anno “con la scuola a teatro” il programma dedicato alle scuole della città con uno spettacolo per la scuola dell’infanzia, uno per la primaria, uno per la secondaria di primo grado e uno per le scuole superiori. Inoltre è previsto un appuntamento speciale, adatto dagli 11 anni in su, per la Giornata della Memoria con “Fino a quando la mia stella brillerà”, spettacolo tratto dall’autobiografia di Liliana Segre.

“A pesca di sogni” è la rassegna che il Settore Cultura del Comune di Venezia ha incaricato La Piccionaia di ideare per il terzo anno consecutivo. La Piccionaia, Cooperativa sociale nata quasi 50 anni fa a Vicenza, è un Centro di Produzione Teatrale veneto riconosciuto dal Ministero della Cultura. Una realtà forte e consolidata che produce spettacoli, in particolare per le nuove generazioni, gestisce teatri in tutto il Veneto e realizza progetti territoriali che contribuiscono a disegnare nuovi modi di abitare il Teatro e la città.

Il programma

Si comincia domenica 15 ottobre alle 16.30 con Scoppiati di e con Giacomo Occhi, una produzione Teatro Gioco Vita adatta a partire dai 6 anni. Lo spettacolo racconta la vita di un palloncino che scorre sempre uguale, giorno dopo giorno. Nulla lo riempie per davvero. Finché a un certo punto si gonfia d’amore: un grande cambiamento che lo porterà a vivere pienamente quello che la vita ha in serbo per lui. Una storia ironica e poetica, concreta e surreale, senza parole, sulla vita speciale di un palloncino ordinario. Lo spettacolo rientra nell’ambito di Palcoscenici metropolitani 2023.

Il secondo appuntamento è domenica 12 novembre alle 16.30 con La bella addormentata, di Gianni Franceschini e La Piccionaia, uno spettacolo adatto dai 3 anni. Dormire, fermarsi, trovare un momento di riflessione e inattività sono il preludio al cambiamento, alla crescita, alla rinascita, all’affrontare una nuova vita. Questo è il significato “nascosto” della fiaba della “Bella Addormentata” nelle sue varie versioni. Gli avvenimenti che accompagnano la fanciulla che si addormenta e poi si sveglia e vive una nuova realtà diventano un esempio per tutti, specialmente per chi è in un’età di cambiamento, di scoperta e portano verso una esperienza migliore.

Si prosegue con uno spettacolo dedicato ai più piccoli: domenica 3 dicembre alle 11.00 e alle 16.30 Oltre qui de La Piccionaia (a capienza limitata, da 1 a 5 anni). Tanti racconti, storie mitiche dal Nord Europa fino alla Sicilia, passando per il centro Italia e la suggestione biblica, tanti racconti sulla realizzazione dei sogni dei bambini. Lo spettacolo rientra nell’ambito di Palcoscenici metropolitani 2023. Domenica 17 dicembre alle 16.30 un appuntamento adatto a partire dai 6 anni Jinn della compagnia Anagoor spettacolo nato proprio a partire da una residenza teatrale ospitata a giugno scorso al Teatrino Groggia, alla quale hanno preso parte anche una ventina di bambini attraverso due pomeriggi di laboratorio. I racconti de Le Mille e una Notte sono lo sfondo su cui muove il nuovo percorso di ricerca artistica proposto da Anagoor. Il Genio guiderà i bambini nell’espressione del desiderio: quel tesoro nascosto che permette di trovare dentro sé le chiavi di accesso per la costruzione della propria identità. Un piccolo labirinto da esplorare dentro al quale i bambini saranno accompagnati in un viaggio verso le esperienze di base: ascoltare, vedere e toccare, prendere e lasciare, tenere e contenersi, condivisione e tenerezza, fragilità e aggressività.

Domenica 28 gennaio, sempre alle 16.30 un altro evento a capienza limitata, California under routine del collettivo Baladam b-side, adatto a partire dai 4 anni. Più che di uno spettacolo si tratta di una performance, che si è aggiudicata una menzione speciale Premio Scenario Infanzia 2022. Una performance immersiva itinerante che si concentra sul tema del linguaggio come strumento di manipolazione della realtà. L’entità che si aggira per la platea è una Borda e gli spettatori dovranno incontrarla dopo un’adeguata preparazione. Il progetto mette in discussione la forma spettacolo, decostruendo il patto narrativo e ricercando un’arte non di rappresentare. Secondo appuntamento per i più piccoli domenica 25 febbraio alle 11 e alle 16.30 con Abaco de La Baracca, adatto da 1 a 3 anni, un gioco di numeri, dedicato ai bambini piccolissimi che passo dopo passo iniziano a scoprire il mondo. I fili di un abaco sono la metafora di una linea che collega infiniti punti, infinite esperienze.

Domenica 3 marzo alle 16.30 ultimo appuntamento delle domeniche da favola con Stelle de La Piccionaia, adatto dai 5 anni. Lo spettacolo nasce da una ricerca universitaria sui desideri dei bambini. Quali stelle del desiderio popolano il cielo dei nostri sogni? La presentazione di un improbabile inventario delle stelle del cielo diventa il pretesto per liberare un racconto poetico, fatto di colori, gesti, suoni, immagini e parole, che gioca a dare forma a quei desideri che fin da quando siamo piccoli danno forma alla nostra vita. Desideri gentili, che hanno a che fare con il tenero ed il tiepido. Desideri irruenti, che scalpitano per affermarsi, per prendere forma, per sentirsi forti, per farsi ammirare, per aiutare gli altri. Lo spettacolo rientra nell’ambito di Palcoscenici metropolitani 2023.

Chiude il programma per le famiglie un appuntamento per i più piccoli: domenica 17 marzo alle 11 e alle 16.30 il Teatro Prova presenta Elle adatto da 1 a 5 anni. Nello spettacolo il tema della crescita è affrontato attraverso la storia di due figure femminili che si conoscono, tracciano un percorso comune, si allontanano per riscoprirsi cambiate. Elle è la libertà di esplorare, di scoprire le differenze, di allontanarsi con la sicurezza di avere delle radici salde a cui tornare, ma a seguito di un cambiamento.

I laboratori

Per la sezione “prime pratiche teatrali” La Piccionaia propone tre laboratori. Oplàlab, condotto da Julio Escamilla, per due diverse fasce d’età: bambini dai 4 ai 6 anni e bambini dai 7 ai 10.

Il calendario degli incontri prevede sei appuntamenti, tutti di sabato: 28 ottobre, 18 novembre, 16 dicembre, 3 febbraio, 17 febbraio e 2 marzo, per i più grandi dalle 15 alle 16.30, per i più piccoli dalle 17 alle 18.30. Il laboratorio lavorerà sugli strumenti del teatro che danno la possibilità al bambino di esprimersi con fantasia, immaginazione e creatività attraverso una molteplicità di linguaggi: dal corpo alla voce, dal movimento al suono, dai pensieri alle emozioni. I genitori potranno assistere a una restituzione finale al termine dell’ultimo incontro.

Tilt lab invece è un percorso per ragazzi dagli 11 ai 14 anni, condotto da quest’anno sempre da Julio Escamilla (sabato 9, 16, 23 e domenica 24 marzo, ore 15-18) con l’obiettivo di dare ai ragazzi uno spazio e un tempo per la conquista di una maggior consapevolezza delle proprie capacità creative ed espressive, attraverso l’uso del corpo in stretto contatto con la parola. Anche qui è prevista una restituzione finale per i genitori al termine dell’ultimo incontro.

Il secondo anno di “con la scuola a teatro” raddoppia le opportunità di partecipare, il programma infatti prevede quattro appuntamenti in doppia replica, alle 9.30 e alle 11. Unico appuntamento che andrà in scena solo alle 10 è un evento speciale per il Giorno della Memoria, in scena martedì 20 febbraio: Fino a quando la mia stella brillerà, tratto dall’omonima autobiografia di Liliana Segre e adatto a tutti a partire dagli 11 anni.

Il programma proseguirà con: Martedì 12 marzo andrà in scena per le Scuole dell’Infanzia Taro il pescatore, uno spettacolo di Teatro della Tosse/ Teatro del Piccione sul tema della rabbia, della trasformazione e della possibilità di cambiamento. Venerdì 15 marzo I sacchi di sabbia presentano per le Scuole superiori 7 contro Tebe. Un testo arcaico, uno dei più antichi che ci sono pervenuti, affrontato qui in perenne oscillazione tra tradizione e ricerca, tra comico e tragico, con le tecniche teatrali della comicità. Giovedì 21 marzo appuntamento dedicato alla Scuola primaria con Ale e i boschi de La Piccionia a partire dai romanzi di Daniele Zovi. Nello spettacolo il bosco diventa metafora per parlare delle relazioni tra le persone, per mettere in scena la tensione tra competitività e cooperazione, per coinvolgere gli spettatori in una riflessione sul proprio desiderio di futuro. Ultimo appuntamento mercoledì 10 aprile dedicato alle Scuola secondaria di primo grado con Storto della compagnia Inquanto Teatro. Uno spettacolo-graphic novel spietato e pop che ci parla di diversità e conflitto, dando voce ai sentimenti di chi li vive.

Informazioni e biglietti su www.culturavenezia.it

 
 
 

Le più lette