domenica, 3 Marzo 2024
 
HomeVenezianoMiranese SudElezioni comunali a Spinea, gli schieramenti si mettono in movimento: la ex...

Elezioni comunali a Spinea, gli schieramenti si mettono in movimento: la ex sindaca Vesnaver potrebbe correre con una civica

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Elezioni amministrative in vista a Spinea: centrodestra e centrosinistra sono alla ricerca di candidati sindaci

E’ già tempo di campagna elettorale a Spinea. Manca in effetti ancora un poco di tempo al momento effettivo delle elezioni, ma gli schieramenti sembrano già cominciare a delinearsi, con il clima che si fa già teso, tra accuse reciproche e rimandi a quanto fatto (e soprattutto non fatto) nella tornata elettorale e il mandato precedente, concluso con la sfiducia e le conseguenti dimissioni del sindaco Martina Vesmaver. E proprio attorno a lei sembra si stia combattendo la battaglia principale. Martina Vesnaver non ha ancora infatti sciolto le sue riserve, ma fin dal primo momento le sue idee sono apparse ben chiare.

“Non mi è stato possibile finire tutto quello per il quale ero stata eletta, e questo è il mio principale dispiacere nei confronti dei cittadini di Spinea” erano state le sue parole il giorno dopo la rinuncia obbligata alla sua carica, e questo sembra essere ancora il suo pensiero, che porterebbe dunque all’intenzione di tentare una seconda elezione, forte di un numero ancora consistente di possibili elettori in città e della totale estraneità della sua lista alle recenti condanne per voti irregolari o falsi nella compilazione delle liste elettorali.

Quello che resta da capire e, in caso di ricandidatura, quale sarà la direzione che questa prenderà. Restando sicura la posizione nel centro destra, le ipotesi sono quelle di una conferma, così come nel precedente caso, con una lista civica a suo nome, oppure la candidatura con la forza più evidente nel panorama attuale del centrodestra, Fratelli d’Italia, o con Forza Italia, che vorrebbe un candidato forte in città per confermare la sua presenza a Spinea con un ruolo di primo piano. Più difficile, nonostante Martina Vesnaver risulti ancora iscritta al partito, una candidatura in seno Lega, partito che, almeno in parte delle sue correnti, non sembrerebbe apprezzare del tutto questa idea, al punto da ventilare, in caso di candidatura, una “rivalità interna” al centrodestra con una seconda presenza per il ruolo di sindaco. Se da un lato, dunque, la situazione non è chiara, dall’altro versante ancora meno. Per ora, il centrosinistra e il resto dell’opposizione non si sono mossi in nessuna maniera per presentare anche solo informalmente dei possibili nomi. Né Emanuele Ditadi, sconfitto per pochi voti, né il precedente sindaco Checchin si sono fatti avanti o hanno presentato nomi possibili, anche se le voci principali parlano di una possibile alternativa (per ora anonima) sempre al femminile contro l’eventuale candidatura della Vesnaver. E se Massimo De Pieri potrebbe essere ancora una volta il “terzo incomodo” data la sua attiva presenza nei social e nei dibattiti (ma, come ha sempre precisato, esclusivamente con una lista civica), anche a Spinea la presenza dei cinquestelle sembra ormai sfumare.

Massimo Tonizzo

 
 
 

Le più lette