sabato, 2 Marzo 2024
 
HomeCronacaEspulso marocchino integralista, andava in moschea a Montebelluna

Espulso marocchino integralista, andava in moschea a Montebelluna

Tempo di lettura: < 1 minuti circa

Lo straniero aveva posizioni oltranziste e minacciava azioni contro i simboli cristiani

Aveva posizioni religiose integraliste e oltranziste. Un cittadino marocchino, in Italia dal 2020 e frequentatore della moschea di Montebelluna, in provincia di Treviso, è stato espulso dall’Italia per motivi di sicurezza dello Stato. A darne notizia è stato il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi. Il responsabile del Viminale ha scritto che l’uomo era da tempo sotto attenzione da parte della Polizia di prevenzione perché “aveva mostrato atteggiamenti di intolleranza nei confronti di simboli cristiani e il proposito di commettere azioni offensive, destando così preoccupazione tra i frequentatori della moschea di Montebelluna”.

Sul caso è intervenuto anche il sindaco del comune trevigiano, Adalberto Bordin: “Ringrazio il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e la Polizia di Prevenzione per questo intervento che ha permesso l’espulsione di un cittadino marocchino che gravitava su Montebelluna. E’ una notizia inquietante e per questo il plauso va alle forze dell’ordine che hanno intercettato il soggetto. Sia ben chiaro: Montebelluna non tollera gli intolleranti. Proprio per questo, con regolarità e per la parte di nostra competenza, continuano i nostri controlli congiunti da parte della Polizia Locale ed i Carabinieri che ringrazio per il grandissimo lavoro di prevenzione e sorveglianza condotto sul territorio”.

 
 
 

Le più lette