sabato, 2 Marzo 2024
 
HomePadovanoPadovaSolidaria cambia: non più un festival ma un'agenzia di sviluppo del volontariato...

Solidaria cambia: non più un festival ma un’agenzia di sviluppo del volontariato e si riparte da Piove di Sacco

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il 5 dicembre l’annuncio delle due città che ospiteranno il nuovo percorso 2024 di Solidaria

Solidaria cambia strada. Non solo animazione territoriale, non più festival di eventi e spettacoli per agganciare un pubblico eterogeneo. La settima edizione dell’iniziativa, nata nel 2018 come festival di promozione della solidarietà, si prepara a cambiare ancora, per rispondere in modo più chiaro ai bisogni dei territori, nonché al mandato ricevuto dal consiglio direttivo del CSV di Padova e Rovigo. Gli obiettivi per il prossimo anno si allargano: coinvolgere ancora meglio le associazioni, radicarsi nei territori, coinvolgere al massimo tutto lo staff del Centro per renderlo una vera e propria agenzia di sviluppo del volontariato lungo tutto l’anno.

Il nuovo percorso inizierà ufficialmente martedì 5 dicembre alle ore 21 al teatro filarmonico di Piove di Sacco, una delle due capitali dell’edizione precedente. Nella giornata internazionale del volontariato, Piove e Rovigo passeranno dunque il testimone alle città candidate a ospitare la prossima edizione, una in rappresentanza della provincia di Padova, l’altra di Rovigo. L’intitolazione sarà il momento clou di “Chi è Stato? Come diventare cittadini responsabili”, serata nella quale l’ex magistrato Gherardo Colombo (presidente della Garzanti Libri, della Cassa delle Ammende e di UECoop, è membro della commissione per la riforma dell’ordinamento penitenziario) dialogherà con la giornalista Micaela Faggiani e il contributo visivo di Laura Bortoloni.

«Solidaria è diventato un evento itinerante per dare modo a tutti i territori delle nostre due province di partecipare attivamente alla costruzione di un percorso che è anche, e soprattutto, occasione di crescita e di sviluppo delle sue comunità», precisa il presidente del CSV di Padova e Rovigo Luca Marcon, «per la prossima edizione abbiamo pubblicato un bando rivolto alle amministrazioni della provincia, tramite il quale candidarsi a ospitare Solidaria 2024. Lo sforzo organizzativo non si limiterà a costruire un calendario di eventi per le due settimane tra fine settembre e inizio ottobre, con le due Feste provinciali del volontariato come apici. Il percorso prenderà avvio già con il nuovo anno e coinvolgerà in modo attivo le amministrazioni e le associazioni locali, da una parte per ascoltarne i bisogni più attuali e urgenti, dall’altra per dare delle risposte su misura che culmineranno poi nell’organizzazione di iniziative aperte al pubblico, per portare la co-progettazione dall’essere un concetto astratto a una metodologia concreta di ricerca e sviluppo, anche in ambito solidale».

 
 
 

Le più lette