mercoledì, 28 Febbraio 2024
 
HomeVenezianoRiviera del BrentaTurismo fluviale sul Naviglio, una stagione positiva

Turismo fluviale sul Naviglio, una stagione positiva

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Interviene Rudy Toninato referente di Assonautica che traccia un bilancio del turismo nella Riviera del Brenta

Riviera del Brenta

Bei segnali di ripresa nel comparto turistico, almeno per quanto riguarda il settore dei battellieri. La stagione turistica per i battellieri della Riviera del Brenta insomma da delle prime stime fatte dagli operatori è andata bene. I dati sono davvero incoraggianti : Si è raggiunto il 90 % dei livelli pre Covid di presenze. I punti forza del turismo fluviale lungo il Naviglio del Brenta sono l’automazione delle conche a Stra, Mira Porte e Moranzani a Malcontenta, mentre fra i punti deboli spicca la gestione dei ponti soprattutto nel tratto mirese. A fare l’analisi della situazione è Rudy Toninato che è battelliere lungo il Naviglio e referente per Assonautica Emilia Romagna e Veneto. Toninato da anni si occupa dei problemi legati al turismo lungo il corso d’acqua Con l’arrivo di novembre, sottolinea il referente degli operatori, si chiude la stagione del turismo fluviale lungo il Naviglio che va da aprile a fine ottobre. Le presenze nei battelli lungo il Naviglio possono essere calcolate nella stagione 2023, in oltre 60 mila. Toninato fa un raffronto con gli anni precedenti

Abbiamo raggiunto di fatto il 90 % delle presenze nell’anno pre – covid e cioè il 2019- spiega. Sono tornati a visitare le nostre ville e fermarsi nei centri della Riviera anche gli stranieri che negli anni precedenti erano mancati: europei , ma anche statunitensi ed asiatici”. Rispetto al periodo pre covid, assicura Toninato dei miglioramenti ci sono stati dal punto di vista della fruibilità e funzionalità in tema di navigazione.

“A funzionare in maniera migliore – dice – è stata l’automazione delle conche in località Moranzani, a Mira Porte e soprattutto in quella di Stra”. Con questo sistema insomma sono evitati quei problemi che erano ricorrenti prevalentemente all’inizio o alla fine di ogni giornata con il passaggio alle conche di tante imbarcazioni”.

La situazione però ricorda Toninato per i battellieri non è stata delle migliori a Mira dove il servizio di apertura e chiusura dei ponti (che sono 9 a carico del Comune) ha provocato attese e disagi alle imbarcazioni in transito cariche di turisti. “In tanti casi durante l’estate siamo stati costretti in attesa degli operatori – conclude – fin quasi un ora”.

Migliorato è invece, sottolinea, il servizio di rimozione dell’alga infestante della porracchia anche se: “sarebbe opportuno toglierla via a inizio stagione turistica non alla fine”.

Alessandro Abbadir

 
 
 

Le più lette