sabato, 24 Febbraio 2024
 
HomePolitica3,5 milioni per le imprese culturali, Corazzari: investimento strategico

3,5 milioni per le imprese culturali, Corazzari: investimento strategico

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Incremento dei fondi per le imprese culturali venete: investimento strategico per il futuro del Veneto

Assessore Regionale alla cultura Cristiano Corazzari

L’incremento di 3.5 milioni di euro destinati alle imprese culturali venete rappresenta un significativo passo avanti nel rafforzare la crescita sostenibile e la competitività delle PMI che operano nel settore delle arti e dell’audiovisivo. Con la deliberazione della Giunta Regionale, si è deciso di garantire ulteriori finanziamenti a circa trenta progetti selezionati tra i 105 ammissibili, riconoscendo l’alto livello di qualità delle proposte ricevute nell’ambito del bando avviato con la DGR 339/2023.

Cultura come comparto strategico

L’Assessore alla Cultura del Veneto, Cristiano Corazzari, sottolinea l’importanza strategica del comparto culturale per la regione. La decisione di supportare in modo tangibile le imprese culturali attraverso l’impiego dei Fondi europei per lo sviluppo regionale conferma l’impegno a valorizzare questo settore fondamentale, promuovendo iniziative di sviluppo e consolidamento. Dopo le difficoltà affrontate durante la pandemia, questo incremento dei fondi costituisce un solido sostegno per un duraturo rilancio delle attività culturali.

Cultura come driver economico e sociale

Assessore regionale al turismo Federico Caner

Federico Caner, assessore ai Fondi EU del Veneto, sottolinea la priorità data alle imprese culturali nella nuova programmazione dei fondi comunitari 2021-2027. Questa scelta intende sostenere la crescita e la competitività delle PMI culturali, mirando a valorizzare siti UNESCO, promuovere aree urbane e interne attraverso interventi ad alto impatto culturale. Questa prospettiva ribadisce la convinzione che il connubio tra cultura e impresa sia cruciale per lo sviluppo economico, promuovendo la sostenibilità, la ricerca e l’innovazione.

 
 
 

Le più lette