venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeVenetoCultura e spettacoliA Cavallino-Treporti la seconda edizione de "La Piazza delle Arti"

A Cavallino-Treporti la seconda edizione de “La Piazza delle Arti”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Il festival di teatro, danza e arti performative torna con 23 spettacoli, molti inediti, da dicembre a maggio 2024

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Al via la seconda edizione de “La piazza delle Arti”, il Festival di teatro, danza e arti performative organizzato dal Comune di Cavallino-Treporti, con la direzione artistica di Alessio Nardin e la collaborazione con Arteven – Circuito Multidisciplinare Regionale e Accademia Duse – Centro Sperimentale di Cinema e Arti Performative.

Dal 14 dicembre 2023 al 12 maggio 2024 sono in programma una serie di appuntamenti per tutta la comunità: 16 spettacoli per adulti di cui 2 prime nazionali, 6 prime regionali e 9 spettacoli per giovanissimi inseriti nella nuova sezione “Generazione α – Z”, progetto al quale partecipano anche le scuole del territorio.

In tutto 23 spettacoli uniti da un unico tema: “la musa”. L’asse portante di tutte le opere (teatrali, cinematografiche e di danza) e dei laboratori è legato alla fonte dell’ispirazione: a ciò che ispira gli artisti, li ammalia e li spinge a creare.

“La Piazza delle Arti”, una rassegna per tutto il territorio

«Anche quest’anno abbiamo organizzato il Festival del Teatro rendendolo ancora più ricco di appuntamenti e di qualità, il cui valore delle proposte sono il presupposto necessario per essere riconosciuti e seguiti. Ne è prova il costante aumento di un pubblico affezionato che vive il teatro come un luogo di appartenenza, di incontri, di scambi culturali – affermano la sindaca Roberta Nesto e l’assessore alla cultura Alberto Ballarin -. In questa nuova edizione abbiamo voluto investire dedicando uno spazio ai più piccoli, alla scuola e alle famiglie, perché il teatro ha da sempre l’importante ruolo di luogo di aggregazione, di incontro, di scambi di pensiero, di cultura. É simbolo dell’evoluzione sociale e avvicinare a questo luogo i nostri piccoli concittadini è un percorso importante per arricchire il loro personale bagaglio di vita, sia da spettatori, sia da attori».

«La prima edizione è stata per me un “viaggio iniziatico” e trovare la “strada” per riprendere questo viaggio insieme è ciò che mi ha ispirato nella seconda”, aggiunge il direttore artistico Alessio Nardin“La “piazza” quest’anno credo debba aprirsi a nuove esperienze artistiche, laboratori residenziali con i più piccoli, progetti di teatro partecipato che coinvolgano la comunità. Vorrei che fosse una piazza foriera di incontri extra-ordinari, dove ognuno di noi possa tornare poi all’ordinario arricchito dalle azioni artistiche che ha vissuto e condiviso: diversi luoghi, diverse culture, diverse arti si incontreranno sulla nostra “piazza” (teatro, musica, danza, poesia, cinema). L’augurio è che artisti e cittadini di Cavallino-Treporti incontrandosi possano conoscere meglio se stessi, gli altri e la straordinaria generosità ed unicità del nostro territorio. Questo è il mio sogno da donare alla mia comunità».

 
 
 

Le più lette