sabato, 2 Marzo 2024
 
HomeBreaking NewsAnche la Provincia di Treviso si ferma per Giulia

Anche la Provincia di Treviso si ferma per Giulia

Tempo di lettura: 2 minuti circa

In occasione dei funerali di Giulia Cecchettin tutti i dipendenti dell’amministrazione provinciale si sono riuniti attorno alla panchina rossa nel parco della sede

 

Un minuto di riflessione e di rumore in memoria delle vittime di femminicidio. E’ quello osservato alla Provincia di Treviso. Mentre a Padova si celebravano i funerali di Giulia Cecchettin, le dipendenti e i dipendenti dell’amministrazione provinciale della Marca si sono riuniti attorno alla panchina rossa, collocata nel parco della sede del Sant’Artemio proprio a simboleggiare la lotta contro ogni forma di violenza di genere. Aderendo al lutto regionale decretato dal presidente del Veneto, Luca Zaia, l’ente locale trevigiano ha anche posto le bandiere a mezz’asta.

“Nell’esprimere profondo cordoglio per la perdita di Giulia, riunendoci attorno alla panchina rossa in memoria delle tante, troppe vittime di violenza – conferma Stefano Marcon, presidente della Provincia di Trevisoche hanno perso la vita a causa di una disumanità atroce, abbiamo condiviso un minuto di riflessione, e di rumore, per trasmettere un messaggio di vicinanza e solidarietà alla famiglia Cecchettin e a tutti i famigliari delle vittime, ma anche per condividere l’urgenza di unirci nel contrasto alla violenza, in qualsiasi forma essa si manifesti, affinché questi tragici avvenimenti non si verifichino mai più”.

 
 
 

Le più lette