sabato, 24 Febbraio 2024
 
HomeBreaking NewsFinta compravendita di un appartamento, agente immobiliare trevigiana denunciata

Finta compravendita di un appartamento, agente immobiliare trevigiana denunciata

Tempo di lettura: 2 minuti circa

La professionista ha intascato 85mila euro da un cliente e organizzato un appuntamento fasullo dal notaio

Un’agente immobiliare, operante da anni nel trevigiano, dopo aver ottenuto 85 mila euro di anticipo da un suo cliente per l’acquisto di un appartamento, ha organizzato, all’insaputa del proprietario dell’immobile, una finta compravendita dal notaio, appropriandosi del denaro ricevuto e facendo perdere le proprie tracce, rendendosi così responsabile del reato di truffa, aggravata dal danno di rilevante entità arrecato alla vittima.

E’ quanto hanno accertato i militari della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Treviso. Le attività investigative, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, sono state avviate a seguito della querela presentata da un imprenditore trevigiano, che si era rivolto alla sua agente immobiliare di fiducia per realizzare un investimento sicuro e senza rischi, attraverso l’acquisto di un appartamento da mettere successivamente in affitto, in modo da ottenere una rendita stabile nel tempo. Il denunciante, una volta individuato e visionato l’appartamento che meglio rispecchiava le sue esigenze e i suoi gusti, ha consegnato in più tranche le somme di denaro occorrenti all’indagata che, dopo aver negato la necessità di procedere alla stipula di un contratto preliminare di compravendita, ha preso contatti con uno studio notarile trevigiano, fissando l’appuntamento per la stipula dell’atto. Il giorno stabilito, giunto nello studio del notaio, l’imprenditore trevigiano si è reso conto, con stupore, dell’assenza non solo dell’agente immobiliare, ma anche della presunta parte venditrice, che era in realtà totalmente ignara del tentativo di cedere il suo appartamento a terzi.

Grazie alle testimonianze e alle indagini bancarie, svolte dai finanzieri del Gruppo Treviso, è emerso che il denaro accreditato dalla vittima sui conti correnti dell’indagata non era stato custodito in vista della stipula dell’atto notarile, ma speso per finalità personali. La Procura della Repubblica di Treviso, alla luce del quadro indiziario acquisito, ha disposto la conclusione delle indagini preliminari, atto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. L’intervento della Guardia di Finanza di Treviso ha avuto il fine di contrastare la condotta di chi agisce slealmente nel mercato immobiliare, a tutela della maggioranza degli agenti immobiliari che operano secondo la legge e in maniera trasparente.

 
 
 

Le più lette