domenica, 3 Marzo 2024
 
HomeVenezianoProvincialeL'Ulss 3 si dota di un "Bilancio di genere"

L’Ulss 3 si dota di un “Bilancio di genere”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Presentato il Bilancio di Genere, il dossier dell’Ulss 3 sul “gender gap”

“L’Ulss 3 Serenissima è in prima linea su temi quali il contrasto alla violenza sulle donne – ha spiegato il direttore dei Servizi socio-sanitari, Massimo Zuin -, la ‘medicina di genere’ che declina gli interventi terapeutici con attenzione particolare all’universo femminile, la prevenzione delle patologie tipicamente femminili, i nuovi linguaggi per il benessere della donna quando è oggetto di interventi sanitari anche nell’ambito del disagio mentale o delle dipendenze: questo Bilancio di Genere, che oggi diventa un fascicolo, ottanta pagine piene di dati e indicatori, segna un passaggio cruciale, su cui ci misureremo, quanto alle azioni in questo ambito, anche negli anni a venire”.    (continua a leggere dopo la gallery)

Grazie al Bilancio di Genere è possibile realizzare una mappa dettagliata e aggiornata dei servizi sanitari e sociosanitari dell’Azienda, sia negli ospedali che nel territorio, permettendo di individuare in ogni intervento eventuali sperequazioni di genere, con le conseguenti possibili azioni migliorative: “Con la sua ricerca, l’azienda sanitaria veneziana, inoltre – ha sottolineato presentandola la dottoressa Consuelo Celebrin, del Servizio Innovazione e Sviluppo dell’Ulss 3 Serenissima -, evidenzia i progressi notevolissimi che sono stati compiuti nella cosiddetta ‘medicina di genere’, cioè nell’approccio di terapia e di assistenza declinato in modo diverso e il più possibile efficace a seconda che si intevenga su un paziente di sesso femminile o di sesso maschile”.

Il Bilancio di Genere l’Ulss 3 Serenissima evidenzia anche eventuali diseguaglianze tra uomini e donne all’interno dell’organizzazione operativa dell’Ulss3. Tra i circa ottomila dipendenti, le donne sono più del doppio degli uomini, e il trend che parla di una predominanza al femminile è confermato anche dall’analisi delle assunzioni negli ultimi anni. “Si registra anche – sottolinea il direttore – una sensibilissima riduzione del gap tra uomini e donne a livello dirigenziale: se nel 2018 i dirigenti maschi erano 598 e i dirigenti femmina erano solamente 484, nel 2022 è avvenuto il ‘sorpasso’, con 541 dirigenti donne a fronte di 536 dirigenti uomini”.

A “promuovere” il Bilancio di Genere dell’Ulss 3 Serenissima è stata  Giovanna Badalassi, esperta di gender budgeting e di valutazione delle politiche pubbliche in materia di pari opportunità. Il dossier completo, con dati, grafici, diagrammi, tendenze e analisi, è stato consegnato agli organi di informazione e viene messo a disposizione nel Sito dell’Azienda sanitaria.

 
 
 

Le più lette