venerdì, 23 Febbraio 2024
 
HomeSaluteLa salute a RovigoNuova sede per il Centro ascolto di Rovigo dell'Ulss 5

Nuova sede per il Centro ascolto di Rovigo dell’Ulss 5

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Da lunedì 4 dicembre 2023,  il Centro Ascolto ORA di Rovigo,  trasferito in via Torquato Tasso, 31. Una sede  esclusivamente dedicata alle attività individuali, familiari e di gruppo.

Il Centro ascolto che rientra nel progetto “ORA – Orientamento, Rete, Ascolto” promosso e sostenuto da Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, è un servizio gratuito realizzato dall’Azienda Sanitaria Ulss 5,  ed è rivolto ai caregiver familiari o professionali, che assistono persone con diagnosi di Alzheimer o altra forma di demenza. Il Centro Ascolto è stato trasferito a Rovigo in via Torquato Tasso, al civico 31, in un appartamento confortevole ed esclusivamente dedicato alle attività individuali, familiari e di gruppo, permettendo maggiore accessibilità e fruibilità del servizio. Un ulteriore Punto di Ascolto  è attivo anche presso il Centro di Salute mentale, via Riviera Miani, n. 66, a Badia Polesine (Tel. 0425.598509 centroalzheimer@aulss5.veneto.it), e presso il Centro di Salute Mentale, Piazza degli Etruschi, n. 9 ad Adria (tel. 0426.940408 centroalzheimeradria@aulss5.veneto.it) con accesso diretto, con il supporto di psicologhe -psicoterapeute.

Il supporto ai caregiver di persone affette da demenza

Il Progetto ORA, ha l’obiettivo principale di fornire supporto psicologico individuale/familiare, e di gruppo, ai caregiver di persone affette da demenza, affinché possano prendersi cura del proprio familiare a domicilio –  spiega il Direttore dei Servizi  socio – sanitari  dottor Marcello Mazzo –  Il progetto fornisce supporto psicoeducativo, informando sul progredire della malattia e su come gestirla, aiutando quindi il caregiver a prendersi cura del proprio familiare in modo più competente, favorendo il benessere dell’intero nucleo familiare. E’ altrettanto fondamentale l’attività di orientamento rispetto ai servizi presenti sul territorio che viene fatta dalle medesime psicologhe, e l’attività di formazione diretta a tutti i caregiver, familiari, assistenti familiari e badanti, operatori del settore”.

La demenza è una patologia cronica, purtroppo in crescente aumento nella popolazione e la cui gestione ha un forte impatto sulle famiglie- chiude il Direttore Generale dottoressa Patrizia Simionato – E’ pertanto fondamentale la presenza di servizi che forniscano supporto alla persona con demenza e ai caregiver, lungo tutto il percorso della malattia: ringrazio la Fondazione Cassa di Risparmio per l’investimento  generoso, e gli operatori per l’impegno e l’abnegazione  verso le famiglie di persone con demenza“.

 
 
 

Le più lette