venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeVeronaOpere compensative della Tav per 15 milioni di euro: rotatorie e piste...

Opere compensative della Tav per 15 milioni di euro: rotatorie e piste ciclabili a Verona

Tempo di lettura: 2 minuti circa

L’amministrazione ha deciso di destinare i soldi ad opere compensative quali ampliamento delle piste ciclabili e la creazione di rotatorie a Verona.

Quasi 15 milioni di euro da Rfi per opere compensative per l’alta velocità ingresso a Verona Est e Ovest. La giunta comunale ha deciso dove spenderli, in particolare nei quartieri coinvolti nel disagio dei cantieri Tav.

Gli oneri di mitigazione di impatto ambientale individuati nell’ambito della procedura di valutazione sono stati quantificati in 7.370.000 per il Nodo AV/AC di Verona Ovest e 7.450.000 per il nodo AV/AC di Verona Est.

Gli interventi 

Riguarderanno:
  • il riordino viabilità nodo di Porta Vescovo;
  • la rotatoria tra il tronco T4-T9 – viale Cardinale – via Dal Cero – piazzale XXV Aprile – via Camuzzoni;
  • la pista ciclo-pedonale Borgo Roma – Basso Aquar – Ponte Aleardi;
  • la pista ciclo-pedonale via Legnago – via dell’industria – via Dalla Chiesa;
  • la rotatorie via Albere Nord e via Albere Sud;
  • lo studio di fattibilità estensione trasporto pubblico di massa;
  • le opere di completamento ciclopedonale e riordino viabilistico della stazione di Porta Vescovo;
  • la rotatoria all’ingresso con il quartiere Porto San Pancrazio, in via Dal Vino e via Ligabò;
  • i percorsi ciclabili tra piazza Bra – Stazione – quartiere Stadio.

Le opere compensative individuate dall’Amministrazione comunale interessano tutti i quartieri coinvolti dal disagio, rilevantissimo e duraturo nel tempo, determinato dai lavori dell’Alta Velocità, con una equa distribuzione dell’intero plafond del 2% delle opere ferroviarie stesse, pari a 14.820.000 euro.

Cifra che la precedente Amministrazione aveva integralmente destinato al sottopasso ferroviario tra stradone Santa Lucia e via delle Coste, al centro dello scalo ferroviario, futuro Parco Urbano di Verona Porta Nuova, denominato Central Park.

“Andiamo ad integrare il parere che sospendeva la valutazione sull’opera compensativa del sottopasso, dell’agosto 2022 – ha spiegato la vicesindaca Barbara Bissoli –. La decisione è quella di concentrarsi sugli obiettivi del PUMS di breve/medio periodo che prediligono la realizzazione di ciclo pedonali per aumentare la mobilità in bicicletta del 4% al fronte di una diminuzione dell’equivalente percentuale di mobilità con autovetture private. Per determinare un tale risultato bisogna inoltre intervenire per il miglioramento dell’efficacia del trasporto pubblico nonché la realizzazione di nuove infrastrutture stradali. Con l’integrazione del parere viene anche approvata la convenzione con RFI che disciplina l’erogazione del finanziamento, per il momento, di 7.370.000 riguardanti il nodo di Verona Ovest, che è completo dell’approvazione del progetto definitivo. Restano invece sospesi e saranno erogati in un secondo momento, dopo l’approvazione del progetto definitivo, i 7.450.000 del nodo di Verona Est, il cui iter è ancora in corso d’opera. Alla stipula della convenzione sarà invece erogata la prima tranches del 20% pari a 1.474.000 dei 7.370.000 del nodo di Verona Ovest”.

 
 
 

Le più lette