venerdì, 23 Febbraio 2024
 
HomeVenetoPiano Casa, lavori al Cavalcavia di Marghera e nessun taglio ai...

Piano Casa, lavori al Cavalcavia di Marghera e nessun taglio ai servizi

Tempo di lettura: 4 minuti circa

Bilancio di previsione del Comune di Venezia. Approvato dalla Giunta su proposta dell’assessore Michele Zuin

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore Michele Zuin, ha approvato il bilancio di previsione della Città per gli anni 2024-2025-2026. Il documento, successivamente, sarà posto all’attenzione delle Commissioni consiliari del Comune di Venezia e portato in approvazione in Consiglio comunale entro il 31 dicembre 2023, entro quindi i termini previsti dalla Legge, come accade dal 2015.
“La nostra è una procedura in controtendenza rispetto a molti altri Comuni che usufruiscono delle proroghe, ma che ci consente una migliore programmazione, evitando gestioni provvisorie” puntualizza Zuin.
“Il bilancio di previsione 2024/2026 è stato redatto in un complicato contesto derivante principalmente da tre elementi: la necessità di mantenere elevati stanziamenti per spese di energia e riscaldamento, in misura ancora notevolmente superiore rispetto al periodo pre-crisi energetica (10 milioni in più rispetto al periodo antecedente il conflitto in Ucraina) e tutti a carico del bilancio; l’esigenza di prevedere significativi maggiori costi per l’effetto del fenomeno inflattivo su molti beni e servizi che acquista il Comune, come qualsiasi cittadino; la necessità di mantenere il bilancio entro una sostenibilità di medio lungo periodo. Caratteristica necessaria per affrontare eventuali avversità, come puntualmente è accaduto negli ultimi anni (pandemia, conflitto in Ucraina ecc.). Deve passare il concetto che senza un’ottica di prudenza e buona amministrazione non saremmo riusciti ad affrontare il recente passato. Non possiamo più permetterci di trovarci nelle situazioni critiche che sono state create prima delle Giunte Brugnaro”.
“Ma pur dando attenzione a queste cose – prosegue l’assessore – abbiamo preparato un bilancio senza tagli ai servizi, ma anzi che incrementa le disponibilità in settori importanti della vita dei cittadini. C’è un piano investimenti, soprattutto sulla casa, che non ha eguali. L’attenzione ai conti non è sinonimo di “ristrettezze”, ma è aumentare la spesa dove serve: nei servizi importanti per i cittadini, le famiglie e le imprese, evitando spese inutili, puntando anche su un grande piano di investimenti”.
Piano casa
“La caratteristica positiva più importante di questo bilancio – prosegue Zuin – è sicuramente rappresentata da un vero e proprio “PIANO CASA”, che prosegue il lavoro già fatto negli ultimi anni, ma che rappresenta un “upgrade” un aggiornamento al rialzo dell’impegno dell’Amministrazione Brugnaro su questo tema”.
Il Piano può essere sintetizzato con i seguenti stanziamenti in ognuno degli anni del triennio: 5 milioni per il recupero di alloggi sfitti nel 2024, 5 milioni nel 2025 e 6 milioni nel 2026, quindi 16 milioni in 3 anni; 1 milione all’anno per pronto riatto per alloggi riconsegnati, quindi 3 milioni in 3 anni; 500 mila all’anno per manutenzione programmata alloggi (parti comuni), quindi 1,5 milioni in 3 anni; 2,4 milioni all’anno per manutenzioni a chiamata, quindi 7,2 milioni in 3 anni; per un totale di 27,7 milioni di euro.
“Questo impegno concreto si aggiunge a quanto già previsto negli ultimi anni – precisa Zuin – Tra il 2015 ed il 2023 sono state destinate al comparto casa risorse per 88,4 milioni di cui 37,5 milioni di risorse proprie e 50,9 milioni di contributi, comprensivi di 24 milioni di contributi c.d. superbonus (che si sono resi possibili solo per le possibilità economiche e di cassa del Comune).
Dal lato della spesa corrente
Vengono mantenuti e potenziati tutta una serie di servizi/iniziative: la manutenzione del “verde” da euro 9,1 milioni a 9,4 milioni; manutenzioni “cimiteriali” da 6,1 milioni a 6,5 milioni; la conferma di iniziative culturali, quali Marghera Estate, stagione teatro Toniolo, iniziative presso il Teatro Groggia, Cinemoving e le numerose attività estive e la consolidata stagione teatrale; fondi per le manutenzioni: tra le altre 3,6 milioni per le manutenzioni sulla viabilità, 2,9 milioni per edilizia comunale e sportiva, 2,2 milioni per edilizia scolastica, 3,5 milioni per la gestione territoriale di Venezia e isole. Conferma di spese avviate di recente quali fondi per il 6 cultura (400 mila), iniziative in via Piave (90 mila), iniziative presso il teatro al parco della Bissuola (330 mila)
Investimenti sulla viabilità
Sul fronte delle spese di investimento, il bilancio 2024/2026 si caratterizza, anche, per un significativo sforzo, in termini di risorse proprie destinate per quanto concerne la viabilità.
“In particolare, per quanto concerne l’anno 2024, sono stati previsti: 5,4 milioni per interventi sul cavalcavia discendente verso Marghera; 2 milioni aggiuntivi per manutenzione straordinarie sulla viabilità richieste dall’Area Lavori Pubblici – precisa Zuin – anche per il 2025, il pluriennale evidenzia risorse aggiuntive per la viabilità, come i 4 milioni per il cavalcavia di Catene/via Trieste. Oltre a tali risorse aggiuntive, segnalo che vengono confermati 2,1 milioni per sistemazione strade e marciapiedi con ripartizione per Municipalità. Sono previsti fondi per piste ciclabili per circa 13 milioni”
Efficientamento energetico
Vengono previsti 27 milioni nel triennio (9 milioni all’anno) per interventi di efficientamento energetico su edifici comunali.
Valorizzazione dei luoghi e piazze. Viene inoltre avviata una iniziativa di sistemazione di piazze e luoghi di aggregazione delle Municipalità (6 milioni piazza Marghera, 2,5 milioni piazza Favaro, 1,5 milioni piazza Chirignago, 2 milioni parco Piraghetto).
Sport. Confermato, infine, lo stanziamento di 1,2 milioni per la sistemazione dello stadio Baracca, aggiuntivo rispetto ai 300 mila già a bilancio. Confermato anche il 6 sport.

 

 

 
 
 

Le più lette