venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeVenetoAttualitàPista da bob, Salvini: "Deve essere a Cortina, faremo di tutto"

Pista da bob, Salvini: “Deve essere a Cortina, faremo di tutto”

Tempo di lettura: < 1 minuti circa

Il bob a Cortina resta in pista. A dirlo, senza mezzi termini, è il Ministro delle Infrastrutture e Mobilità sosotenibile Matteo Salvini.

Presente oggi a Venezia per l’inaugurazione dei lavori del collegamento ferroviario con l’aeroporto, Salvini dal palco ha scandito: “Posso assicurare i veneti che faccio e faremo di tutto perchè nessuno scippi al Veneto quello che il Veneto si è conquistato e quindi il Bob deve essere a Cortina”.

Pista da bob, Zaia: “Opportunità concreta, con impianto più light”

Le parole di Salvini sono “frutto di un incontro in cabina di regia la scorsa settimana – spiega il governatore Luca Zaia -. Visto  che il bob dovrà restare in Italia, poichè il Governo si batte per questo, c’è l’opportunità, che oggi è concreta, di rivalutare il progetto di Cortina”. (continua a leggere dopo il video)

Il progetto, che era arrivato a 160 milioni di euro e la cui gara è andata deserta, potrebbe dunque essere sostituito con una versione più light, “cioè con le stesse infrastrutture ma con finiture normali, assolutamente dignitose ma non sfarzose”.

Quindi niente “scippi” di gare: “Noi abbiamo confermato il nostro dossier che prevede il curling, lo sci alpino femminile (otto gare e ventiquattro medaglie), lo skelethon, il bob e lo slittino -continua Zaia -. Ricordo che la pista da bob di Cortina, la più vecchia al mondo, è iconica a livello internazionale e non c’è un atleta che non vorrebbe fare l’esperienza di gareggiare nella pista iconica di Cortina. E a chi dice ‘ma sono pochi praticanti’ dico che allora dovrebbero proporre la chiusura di Monza e di Imola, perché non mi risulta che i praticanti di Formula Uno siano tanti”.

 

 
 
 

Le più lette